È morto Tinin Mantegazza, il papà di Dodò dell’Albero Azzurro

morte-tinin-mantegazza-albero-azzurro-dodo-chi-era

Lutto nello spettacolo, dolore per la morte di Tinin Mantegazza, noto per aver ideato Dodò, pupazzo protagonista della trasmissione "L'Albero Azzurro"

Mondo dello spettacolo a lutto per la morte di Tinin Mantegazza. Scenografo, illustratore e burattinaio, è noto per aver ideato Dodò, pupazzo protagonista della storica trasmissione per bambini “L’Albero Azzurro”, da trent’anni in onda sulle reti Rai. Mantegazza è morto all’età di 89 anni a Cesenatico. Di origini milanesi, dagli anni ’90 viveva sulla costa romagnola in una casa-studio con vista sul porto. Pochi giorni fa era stato ricoverato per un malore presso l’ospedale Bufalini di Cesena.

Lutto nello spettacolo per la morte di Tinin Mantegazza

Tinin Mantegazza ha cominciato prestissimo a disegnare sotto l’influenza del gruppo del “Corriere dei Piccoli”. Scrittore, pittore, scenografo, ha dedicato ai ragazzi molti suoi progetti per il teatro e la televisione. Nel 1985 ha ideato e realizzato il pupazzo Dodò, protagonista della trasmissione Rai “L’albero azzurro”. Per Gallucci ha illustrato Il mistero dei bisonti scomparsi, David La storia di Rosanna detta Cappuccetto Rosso.

L’albero azzurro

L’albero azzurro è un programma televisivo italiano della Rai. È il programma per bambini più longevo della televisione pubblica italiana, in onda sin dal 21 maggio 1990. Presentandosi come primo esperimento televisivo in Italia su target prescolare (dai 3 ai 6 anni), il programma si riallacciava, inizialmente, al filone pedagogista delle produzioni Rai degli anni sessanta unito al lavoro di autori (Bianca Pitzorno, Bruno Tognolini, Roberto Piumini, Emanuela Nava, Mela Cecchi, Bruno Munari, Renata Gostoli, Claudio Cavalli, Nico Orengo, Laura Fischetto, Lorenza Cingoli, Giona Peduzzi, Magda Barile, Michela Marelli, Gianluca Col, Claudia Sasso e Mauro Carli) sensibili alle problematiche di fruizione televisiva dei bambini e in collaborazione con la Facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna.

Nato da un’idea del produttore Franco Iseppi, il format del programma così come il cast dei presentatori, nella sua lunga vita, ha subito numerose modifiche che hanno fatto gradualmente evolvere l’originario approccio educativo in fiction. È trasmesso sin dalla prima edizione dal Centro di produzione Rai di Torino.



 

TAG