Cronaca

Addio a Bo Hopkins, il cattivo del Mucchio Selvaggio e American Graffiti

È scomparso all'età di 80 anni il volto noto dell'epoca d'oro

È morto Bo Hopkins all’età di 80 anni, famoso per essere stato il cattivo nei film dell’epoca d’oro: “Il mucchio selvaggio”, “American Graffiti”, “Getaway”, “Fuga di mezzanotte”.

Bo Hopkins è morto

È scomparso all’età di 80 anni il volto noto dell’epoca d’oro. Ricoverato dal 9 maggio per un attacco di cuore al Valley Presbyterian Hospital di Los Angeles. Ne ha dato il triste annuncio la sua seconda moglie Sian Eleanor Green, che aveva sposato nel 1989.

Chi è Hopkins

Nato William Hopkins a Greenville, SC, il 2 febbraio 1942. In seguito ha cambiato il suo nome in “Bo” in riferimento al personaggio che ha interpretato in “Bus Stop”, la sua prima commedia. Dopo la morte di suo padre, a solo nove anni, Hopkins è stato cresciuto da sua madre e sua nonna. In seguito ha appreso di essere un bambino adottivo. Dopo il servizio militare a 16 anni, ha deciso di intraprendere la carriera di attore.

La carriera

Bo Hopkins ha sicuramente dato il meglio nel ruolo del criminale. Tantissimi i film: “McKlusky, metà uomo metà odio” (1973), “Fuga da mezzanotte” (1978) di Alan Parker. È stato un fuorilegge in Turner, nel film “Il mediatore” di Robert Mulligan (1974) e nel ruolo di Pretty Boy Floyd, un ganster in “Massacro a Kansas City”. Nella maturazione, ha affinato anche il ruolo di uomo della legge. È stato lo sceriffo in tanti film, tra questi “Caccia aperta” (1976), “Sweet Sixteen” (1983), “Mutant” (1984), “Weekend all’inferno” (1989), “il giustiziere” (1989), “Scontro finale” (1990), “Fertilize the Blaspheming Bombshell” (1992), “Texas Payback” (1995) e “A Crack in the Floor” (2001).

Articoli correlati

Back to top button