Cronaca

È morto il giudice Italo Ormanni: aveva fatto arrestare i tre boss Cutolo, Zazza e Nuvoletta | Seguì anche il caso Orlandi e Marta Russo

È morto il giudice Italo Ormanni. Napoletano di origine, aveva fatto arrestare i tre boss Cutolo, Zazza e Nuvoletta. A Roma invece si era occupato dei casi Orlando, Cesaroni e Marta Russo.

È morto il giudice Italo Ormanni: seguì il caso Orlandi

Il giudice Italo Ormanni è deceduto all’età di 87 anni. A dare la triste notizia è la redazione del programma tv Forum dove ha preso parte come giudice per due stagioni, dal 2011 al 2013, quando è andato in pensione.

Il magistrato è nato a Napoli dove, proprio presso la procura partenopea, ha seguito inchieste di camorra culminate con gli arresti di tre boss: Cutolo, Zazza e Nuvoletta. La sua carriera è proseguita a Roma dove ha seguito indagini delicate come quelle della scomparsa di Emanuela Orlandi, dell’omicidio di Simonetta Cesaroni e della morte di Marta Russo all’università La Sapienza. Da procuratore aggiunto – carica che ha ricoperto dal 1994 al 2008 – Ormanni ha anche coordinato le indagini dell’antiterrorismo sugli anarchici e sulle nuove brigate rosse, con l’agguato al professor Massimo D’Antona, e sui delitti degli italiani all’estero, come il duplice omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin in Somalia e l’assassinio della giornalista Maria Grazia Cutuli in Afghanistan. Dal 2000 al 2008 è stato anche procuratore antimafia per il Lazio, mentre dal 2008 al 2010 è stato responsabile del Dipartimento presso il Ministero della giustizia, occupandosi tra l’altro dell’estradizione del terrorista Cesare Battisti, latitante in Brasile.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio