Muore per il Coronavirus e i medici fanno nascere sua figlia. La storia di Mary, infermiera in prima linea contro il Covid-19

Neonato-morto-circoncisione-Genova

Il Coronavirus continua a mietere vittime tra medici ed infermieri. Arriva dal Regno Unito la storia di Mary Agyeiwaa Agyapong, 28 anni

Il Coronavirus continua a mietere vittime tra medici ed infermieri. Arriva dal Regno Unito la storia di Mary Agyeiwaa Agyapong, 28 anni, infermiera incinta che ha perso la vita dopo essere risultata positiva al Covid-19.  La donna è stata sottoposta a un parto cesareo d’emergenza quando i medici si sono resi conto che non sarebbe riuscita a sopravvivere. La neonata è venuta al mondo e sta bene, anche se non è ancora chiaro se sia positiva o meno.

Coronavirus: Mary, infermiera incinta morta per il Covid-19

La giovane infermiera ha contratto il Coronavirus in corsia e negli ultimi giorni, dopo essere stata ricoverata, sembrava stesse migliorando. Improvvisamente le sue condizioni sono peggiorate, e di conseguenza i medici hanno optato per un taglio cesareo d’emergenza. Mary è morta domenica: poco dopo che i medici hanno fatto nascere sua figlia.

I colleghi del Luton and Dunstable Hospital, l’ospedale in cui lavorava, hanno ricordato Mary come “un’infermiera favolosa e un ottimo esempio di ciò che rappresentiamo“. L’ospedale ha diffuso una nota in cui si legge: “È con grande tristezza che possiamo confermare la morte di una delle nostre infermiere, Mary Agyeiwaa Agyapong, che è deceduta domenica (12 aprile). Mary ha lavorato qui per cinque anni ed è stata un membro molto apprezzato del nostro team, un’infermiera fantastica e un ottimo esempio di ciò che rappresentiamo qui. È risultata positiva al Covid-19 dopo essere stata sottoposta al test il 5 aprile ed è stata ricoverata in ospedale il 7 aprile. I nostri pensieri e le nostre più sentite condoglianze – conclude lo staff – sono per la famiglia e gli amici di Mary in questo momento triste. Chiediamo che la loro privacy sia rispettata in questo momento“.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG