Economia

Mutuo 100 per cento senza anticipo: quali banche lo concedono nel 2021

Chi desidera acquistare casa nel 2021 e ha la necessità di finanziare l’intero valore dell’immobile può accedere ad un mutuo 100%, anche se non è sempre facile ottenerlo

Chi desidera acquistare casa nel 2021 e ha la necessità di finanziare l’intero valore dell’immobile può accedere ad un mutuo 100%, anche se non è sempre facile ottenerlo. Ma come ottenere il mutuo 100 per cento senza anticipo? Non tutte le banche infatti offrono questa possibilità. La maggioranza degli istituti di credito concede solitamente un limite di importo che non supera l’80% del rapporto tra finanziamento e valore della casa.

Alcune banche erogano mutui ipotecari che coprono il prezzo totale dell’immobile che si intende acquistare, purché i richiedenti presentino determinati requisiti. Vediamo quali sono queste caratteristiche e soprattutto quali banche concedono un mutuo 100% nel 2021.

Mutuo 100%, requisiti e come ottenerlo

La concessione di un mutuo al 100 per cento dipende da alcuni requisiti fondamentali. Come per tutte le altre richieste di prestito, la banca dovrà verificare, ad esempio, che l’aspirante mutuatario abbia la capacità di rimborsare il debito e pertanto dovrà dimostrare di avere un reddito almeno pari al triplo della rata del mutuo.

Un’altra caratteristica fondamentale per ottenere un mutuo 100% è che in passato il richiedente abbia sempre pagato regolarmente altri prestiti e non sia dunque segnalato come cattivo pagatore dalle Centrali rischi delle banche.

Comprare casa con mutuo 100 per cento

Il mutuo 100% per l’acquisto della casa si è evoluto nel pieno del boom immobiliare dei primi anni 2000 come esigenza di mercato, spinto dalle tantissime richieste di coloro che non avevano i fondi necessari per richiedere un mutuo 80%.

Considerando un anticipo minimo pari al 20% del prezzo della casa e le spese accessorie necessarie alla conclusione della compravendita (tasse, onorario del notaio, agenzia immobiliare e spese della banca), non tutti avevano la possibilità di acquistare un’abitazione.

Per concedere un mutuo 100%, la banca potrebbe richiedere la concessione di una fideiussione che copra il 20% del valore del mutuo eccedente l’80%, oppure chiedere la garanzia dello Stato tramite il Fondo Consap.

Mutuo 100% Consap

In alternativa alla sottoscrizione di un’assicurazione a carico del mutuatario, può intervenire lo Stato e prestare la sua garanzia a favore del debitore e a tutela del creditore. Attraverso il Fondo Consap, infatti, è possibile ottenere un mutuo 100%. Per accedere al Fondo di garanzia mutui prima casa, Consap distingue i richiedenti prioritari dai non prioritari.

I requisiti delle categorie prioritarie sono:

  • under 35 con contratto di lavoro precario o atipico;
  • giovani coppie con almeno un componente di età inferiore a 35 anni;
  • genitori separati o vedovi con figli minori;
  • affittuari di case popolari.

Tutte le altre categorie che non hanno i requisiti appena esposti possono comunque accedere al Fondo, ma queste verranno considerate non prioritarie. Le banche che aderiscono al Fondo Consap possono ottenere la garanzia statale fino al 50% della quota capitale dei mutui ipotecari che non superano i 250.000 euro.

Il Fondo Consap mutuo 100% è stato pensato in particolar modo a quelle categorie di persone che solitamente hanno maggiori difficoltà ad accedere al credito, tra cui, come abbiamo visto, i lavoratori con contratto a tempo determinato, le famiglie con un solo genitore o le coppie con almeno un figlio minore a carico.

Mutui 100 per cento: quali banche lo concedono

Come detto, le banche che aderiscono al Fondo di garanzia gestito da Consap possono concedere mutui fino al 100% del prezzo dell’immobile, purché l’abitazione sia destinata a prima casa e previa perizia da parte dell’istituto di credito, che dovrà accertare che il valore sia congruo alla richiesta del finanziamento.

Tra le banche che concedono un mutuo al 100% nel 2021 si segnala Intesa Sanpaolo. Il mutuo può essere a tasso variabile, con un Tan dell’1,55% per durata 20 anni, e a tasso fisso, con Tan dell’1,90%.

Da non sottovalutare l’opportunità concessa da altri istituti, che concedono un mutuo fino al 95% del prezzo della casa a tassi vantaggiosi. Tra questi si segnalano varie banche di credito cooperativo, BNLCrevalCrédit AgricoleCredem Banca e Banca ING.

Come ottenere un mutuo 100%

Bisogna precisare che chi richiede un mutuo dell’intero valore dell’immobile non avrà le stesse caratteristiche di chi ottiene un mutuo al di sotto di un LTV (Loan to value) inferiore all’80%.

Il maggiore rischio finanziario nel concedere un mutuo al 100% da parte gli istituti di credito implica un costo maggiore dell’operazione a carico del richiedente, che si traduce solitamente in uno spread bancario più alto rispetto agli altri mutui.

Richiedere un mutuo 100% oggi, con i bassi tassi di interesse ai minimi storici, rimane comunque molto vantaggioso. Basti pensare che per un mutuo di 130.000 euro di durata di 25 anni ad un tasso fisso del 2% si pagherebbe una rata di circa 550 euro. Spesso meno che un affitto.

C’è da dire che l’iter per richiedere un mutuo 100% è generalmente più difficoltoso rispetto ad un normale mutuo. In certi casi, dunque è consigliabile avvalersi della consulenza di un esperto che sarà in grado di dare le giuste soluzioni e valutare insieme al professionista quale sia l’istituto bancario con maggiori probabilità di accettare il prestito.

Articoli correlati

Back to top button