Economia

Naspi 2021: requisiti ed ultime novità

Requisiti e novità per la Naspi 2021, prevista dalla nuova Legge di bilancio

La legge di bilancio 2021 ha garantito nuovamente l’istituto della Naspi, subordinandone ogni requisito alla “perdita involontaria del lavoro”. Quindi, la Naspi 2021 sarà corrisposta  nelle ipotesi di cessazione del rapporto di lavoro e di stato di disoccupazione involontario del lavoratore.  Lo stato di disoccupazione si acquisisce a seguito di assenza di lavoro e della sottoscrizione della DiD (dichiarazione di immediata disponibilità). Ecco i requisiti e le novità per il 2021.


disoccupazione


Naspi 2021, novità e requisiti

Oltre allo stato di disoccupazione, per poter ottenere il riconoscimento del diritto a sostegno del reddito erogato attraverso la Naspi, sono necessari altri 2 requisiti:

  1. Almeno 13 settimane di contributi versati nei 4 anni ante-licenziamento;
  2. Almeno 30 giorni di attività lavorativa svolta negli ultimi 12 mesi precedenti l’inizio della disoccupazione;

Ultime novità 2021: a chi può essere corrisposta la Naspi?

La Naspi potrà essere percepita da tutti i lavoratori con contratto di lavoro subordinato, dagli apprendisti, dai dipendenti della Pubblica Amministrazione (con contratto di lavoro a tempo determinato), dai soci lavoratori di cooperativa ed operatori artistici (con contratto di lavoro subordinato).

 Restano Esclusi dal sussidio Naspi 2021 i dipendenti della Pubblica Amministrazione a tempo indeterminato e gli operai agricoli, a tempo determinato o indeterminato.

 

Articoli correlati

Back to top button