AlmanaccoCuriosità

“Nevermind” dei Nirvana compie 30 anni! Tutte le curiosità sull’iconico disco anni ’90

Il 24 settembre del 1991, esattamente 30 anni fa, veniva pubblicato l'iconico disco dei Nirvana "Nevermind". Tutte le curiosità

Il 24 settembre del 1991, esattamente 30 anni fa, veniva pubblicato l’iconico disco dei NirvanaNevermind“. Una voce di un’intera generazione con brani come “Smells Like teen spirit” e “Come as you are”.  Secondo album in studio dei Nirvana, “Nevermind” ha segnato il passaggio del gruppo grunge alla Geffen Records, dopo qualche dissidio con la Sub Pop Records, con cui aveva pubblicato “Bleach”.

“Nevermind” dei Nirvana compie 30 anni! Tutte le curiosità

Il titolo originale sarebbe dovuto essere “Sheep” (“Pecora”), probabilmente un riferimento al seguire la massa e i dettami della società, come il denaro e il successo, resi evidenti anche dalla famosissima immagine della copertina. La scelta finale invece rimase sul titolo provvisorio, appunto “Nevermind”, considerato significativo e indicativo del lassismo di un mondo in cui rispondere “Non importa” risulta più facile di scendere in campo in prima persona per la giustizia e per i propri diritti.


 

nevermind  nirvana curiosità


Il disco fu inciso in California, ai Sound City Studios di Van Nuys, tra maggio e giugno del 1991. Prima però i Nirvana effettuarono qualche pre-prova negli Smart Studios. Di queste tracce fu tenuta soltanto la registrazione di “Polly“, che poi è rimasta nell’album. La sesta traccia è anche l’unica in cui figura ancora Chad Channing alla batteria. In tutto i Nirvana cambiarono cinque batteristi prima di scegliere David Grohl, con cui non avevano mai inciso nulla prima di Nevermind. In tutto l’etichetta assegnò un budget complessivo di 65.000 dollari: un’inezia, se si pensa al successo planetario (e pluridecennale) del disco. All’epoca Kurt Cobain non navigava certo nell’oro: durante le sessioni di registrazione, viveva all’interno della sua macchina, una Plymouth Valiant comprata per 550 dollari dopo essere stato sfrattato.

Nevermind è uno degli album fondamentali degli anni ’90: le cusiorità

Nevermind è ritenuto uno degli album fondamentali degli anni novanta e della storia del rock in generale. Venne classificato alla posizione 17 della lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone e alla terza posizione nella classifica dei 100 migliori album di sempre stilata dalla rivista inglese Q. Nel 2005 Nevermind è stato inserito nella National Recording Registry dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d’America.

A dispetto delle basse aspettative commerciali del gruppo e della casa discografica (obiettivo dichiarato della Geffen era quello di raggiungere le 250 000 copie vendute, per poter eguagliare Goo, l’album dei Sonic Youth pubblicato l’anno precedente), Nevermind divenne un enorme successo alla fine del 1991, soprattutto grazie alla popolarità acquisita dal primo singolo estratto da esso, Smells Like Teen Spirit.


 

nevermind  nirvana curiosità

 


 

Nel gennaio 1992, il disco riuscì a spodestare Dangerous di Michael Jackson dalla vetta della classifica statunitense Billboard 200. L’album produsse inoltre altri tre singoli di successo: Come as You Are, Lithium e In Bloom. La Recording Industry Association of America ha certificato l’album disco di diamante (più di 10 milioni di copie vendute), e si stima che abbia venduto nel complesso circa più di 24 milioni di copie nel mondo (dati aggiornati al 2008). Con cifre come queste, Nevermind divenne il disco di maggior successo commerciale del gruppo di Seattle. Unanimemente considerato l’apice della produzione artistica del gruppo e di tutto il genere grunge, è annoverato tra i migliori album discografici di ogni epoca ed ebbe tra i suoi meriti quello di aumentare la popolarità del rock alternativo.


 

 

 


Nevermind fu il primo album registrato dai Nirvana per la Geffen Records e con Dave Grohl alla batteria. La tecnica compositiva alla base di questo lavoro è estremamente omogenea: l’utilizzo di melodie pop, di immediato appeal, ma affiancate da sonorità e linee vocali aggressive, quasi punk; l’utilizzo della forma canzone “classica” (strofa-ritornello-strofa-ritornello); un lavoro di produzione musicale apparentemente molto semplice, ma in realtà molto ricercato, e non ultima la poderosa campagna promozionale e la produzione di videoclip promozionali estremamente azzeccati sono alcuni fra i fattori che contribuirono al successo planetario di questo lavoro.

In realtà gli elementi citati non possono essere considerati del tutto originali: altri gruppi come gli Hüsker Dü e, soprattutto, i Pixies avevano esplorato questi territori musicali diversi anni prima, senza tuttavia nemmeno avvicinarsi al successo di pubblico del secondo album dei Nirvana. Lo stesso Cobain dichiarò spesso di essere ben consapevole di non potersi definire il primo autore ad aver fatto ricorso al pop per rendere maggiormente brillanti le sonorità punk: citò infatti proprio Surfer Rosa dei Pixies come fonte di ispirazione.

Punto di svolta fu il singolo Sliver, pubblicato su etichetta Sub Pop nel 1990 (prima che Grohl si unisse al gruppo), del quale Cobain disse:

«Era come una specie di dichiarazione d’intenti, in qualche modo. Avevo dovuto scrivere un brano pop e pubblicarlo su singolo per preparare il pubblico alle sonorità del nostro prossimo album. Volevo comporre altri brani come questo.»

Le 10 curiosità su Nevermind

. Considerato come la vetta del grunge, contiene canzoni memorabili e videoclip molto celebri. Ecco 10 cose da sapere. Di seguito, le 10 curiosità che forse non conoscevate sull’iconico album.

Ha scalzato Micheal Jackson

Album-manifesto degli anni Novanta, Nevermind riuscì a detronizzare Michael Jackson dalla vetta di Billboard 200 scalzando Dangerous. Rolling Stone lo inserì poi alla 17esima posizione dei 500 migliori dischi di tutti i tempi.

Le richieste di apparire ai concerti

Dopo l’uscita di Nevermind fu presto chiara la grandezza dei Nirvana, che vennero immediatamente contattati per aprire i concerti di molte grandi star. Cobain rifiutò ogni invito, compresi quelli dei Metallica e dei Guns ’n Roses.

Dave Grohl entra nella band

Nevermind è il primo album dei Nirvana con Dave Grohl alla batteria. Prima di lui, il gruppo aveva cambiato almeno cinque batteristi.

Sheep: il titolo provvisorio

Il titolo, in origine, avrebbe dovuto essere Sheep. Ma rimase tale per poco tempo. L’idea del titolo era solo provvisoria e presto fu tramutata, appunto, in Nevermind.

Cobain contro la copertina dell’album

La copertina dell’album fece molto discutere. Su di essa campeggia un bambino di 4 mesi, Spencer Elden, fotografato mentre nuotava, tutto nudo, in una piscina. Kurt Cobain era stato ispirato da un documentario sul parto in acqua. La censura cercò di abbattersi sull’album, ma il frontman dei Nirvana non si piegò alla pretesa di oscurare i genitali del bambino e replicò senza mezzi termini: “Chi si sente offeso dall’immagine del pene di un neonato, probabilmente è un pedofilo represso”.

La censura

La censura si è però abbattuta in modo inesorabile ai VMA’s 1992 sulla band. Mtv proibì ai Nirvana di eseguire la scandalosa Rape Me, ma prima di iniziare Lithium Cobain ne simulò le prime note.

Smells Like Teen Spirit

Leggenda vuole che il brano Smells Like Teen Spirit fosse ispirato a un deodorante per ragazze. In realtà si riferisce a una frase che Kathleen Hanna, leader della riot band delle Bikini Kill, scrisse con vernice spray sul muro esterno di casa di Cobain: “Kurt smells like teen spirit”. Il brano è eseguito in tonalità di Fa minore, il riff principale è costituito da quattro power chord eseguiti in una sincope semicroma. Gli accordi sono ottenuti con la sovrapposizione di due tracce allo scopo di “rendere il suono più potente”, come ha racontato il produttore Butch Vig. Per convincere Kurt a usare la doppia traccia, gli disse: “John Lennon lo ha fatto”.

Come as You Are è plagio?

Come as You Are è un plagio? L’accusa arrivò dai Killing Joke che rivendicarono la paternità del riff iniziale ripreso dalla loro Eighties. Dopo la morte di Cobain la band abbandonò la causa legale.

Lithium e i problemi di Kurt Cobain

Il titolo del brano Lithium è un chiaro riferimento al litio, sostanza alla base di farmaci antidepressivi e stabilizzatori dell’umore. Il testo parla del disturbo bipolare che affliggeva Cobain. Originariamente, Cobain voleva un video a cartoni animati ma i tempi lunghi di lavorazione lo fecero desistere.

Cobain visse sotto un ponte?

Something in the Way fa invece riferimento al periodo in cui Cobain avrebbe abitato sotto il ponte di Young Street ad Aberdeen, dopo essere scappato di casa e aver lasciato gli studi. Era l’aprile del 1984. In realtà come hanno raccontato la sorella Kim e il bassista della band Krist Novoselic, Kurt non andò mai a vivere sotto un ponte. Il titolo della canzone significa “qualcosa tra le scatole” e indica il difficile rapporto di Kurt con la propria famiglia. Infatti proprio lui sarebbe quel “qualcosa” tra le scatole.



Il bimbo della copertina ha fatto causa alla band per pedopornografia

La copertina di “Nevermind” dei Nirvana è una delle immagini più iconiche di sempre, ma a sorpresa il bambino immortalato nel 1991 da Kirk Weddle, ad appena quattro mesi, non pare essere felice di far parte della storia del rock. Il trentenne Spencer Elden ha infatti fatto causa alla band per pedopornografia e sfruttamento sessuale minorile, chiedendo un risarcimento di 150mila dollari

 

 

 

Articoli correlati

Back to top button