Cronaca

Non gradisce il pranzo, padrone di casa gli stacca l’orecchio a morsi: condannato

L'invitato aveva detto che la padrona di casa non sapeva cucinare

A Pordenone, un invitato non ha gradito il pranzo di Santo Stefano. Il proprietario di casa gli stacco l’orecchio a morsi, non avendo gradito il commento inopportuno. L’episodio risale a diverso tempo fa ma ha dato vita a un lungo procedimento giudiziario e un processo penale che martedì scorso è giunto a conclusione con la condanna del padrone di casa che però è tornato subito in libertà.

Invitato non gradisce il pranzo, padrone di casa gli stacca l’orecchio a morsi

I fatti risalgono al pranzo di Santo Stefano di due anni fa quando in un’abitazione di Pordenone si erano radunati due uomini e tre donne. Nel bel mezzo del banchetto, forse complice anche l’alcol, l’invitato aveva iniziato a contestare il sapore e l’odore di alcune pietanze proposte, pare lamentandosi soprattutto della troppa cipolla.

Quando l’uomo aveva iniziato ad accusare la padrona di casa di non saper cucinare, il compagno di questa si sarebbe inalberato a sua volta, ritenendola un’offesa e i due sono arrivati allo scontro. A questo punto il 51enne padrone di casa aveva strappato a morsi l’orecchio dell’altro lasciandolo in una pozza di sangue. La vittima ha riportato lesioni permanenti e per l’altro è scattata la denuncia e il processo.

Come ricostruisce il Gazzettino, il 51enne ha rischiato di essere condannato per sfregio permanente, un reato più grave, prima che il pm derubricasse il tutto a lesioni gravissime e accettasse il patteggiamento dell’imputato a un anno e quattro mesi di reclusione, con la sospensione condizionale della pena.

Articoli correlati

Back to top button