Cronaca

Omicidio di Lecce, insulti social agli avvocati di De Marco: “Difendete un indifendibile”

Pericolosa confusione tra l’avvocato e l’assistito. Così Andrea Starace, avvocato del killer reo confesso Antonio De Marco, commenta la pioggia d’insulti e offese che lo ha colpito da quando, con il collega Giovanni Bellisario, ha assunto la difesa dell’infermiere che ha ucciso Eleonora Manta e Daniele De Santis. Solidarietà dal Consiglio dell’ordine degli avvocati di Lecce: “Svilito il diritto costituzionale di difesa”.

Omicidio di Lecce, insulti social agli avvocati di De Marco

Le indagini per l’omicidio dei due fidanzati di Lecce sono ancora in corso e anche la confessione dell’infermiere sembra aver cristallizzato il quadro investigativo, la fine della storia non è ancora scritta. Nei prossimi giorni gli avvocati si riservano di chiedere una perizia psichiatrica su De Marco, mentre continueranno a seguire l’attività della procura per tutelare i diritti del loro assistito, da sette giorni recluso nella struttura circondariale di Borgo San Nicola a Lecce.

Consiglio dell’Ordine degli Avvocati

In loro favore, dopo la polemica social per gli insulti, si è schierato anche il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lecce che ancora una volta. “Il consiglio“, si legge nel comunicato diffuso poco fa “condanna fermamente tali inqualificabili atteggiamenti, ed esprime piena solidarietà ai due colleghi coinvolti ritenendo altrettanto inaccettabile l’idea che l’avvocato possa essere considerato sodale del proprio cliente: siffatta superficiale forma di confusione delle due figure risulta offensiva e pericolosa, in quanto svilisce l’importanza del ruolo del difensore e l’effettività del diritto costituzionale di difesa, principio cardine del nostro sistema giuridico e garanzia di legalità”.

Articoli correlati

Back to top button