Cronaca

Omicidio a Treviglio, 15enne uccide la madre per un rimprovero: la confessione della giovane

La giovane che ha accoltellato a morte la madre a Treviglio ha raccontato ai carabinieri di averla colpita al petto al culmine di una lite

Avrebbe ucciso la madre per un rimprovero per una faccenda di casa non eseguita come voleva. Questo è quanto è emerso dall’interrogatorio della 15enne di Treviglio che ha accoltellato la madre Manuela Guerini al culmine di una lite.

Uccide la madre al culmine di una lite: la confessione della 15enne

Il dramma è avvenuto nella serata di ieri, sabato 14 agosto, a Treviglio, in provincia di Bergamo. Come riporta l’Ansa sarebbero queste le motivazioni all’origine della discussione nata tra le mura domestiche in via Bernardino Butinone, che è poi sfociata in un delitto. La giovane è stata ascoltata in caserma dai carabinieri di Treviglio e Bergamo. Ai militari la ragazza ha raccontato quanto accaduto prima di aver colpito la madre.

Stava facendo delle faccende domestiche, ma il genitore non avrebbe apprezzato il lavoro svolto, così ne è nata una discussione durante la quale l’adolescente ha afferrato un coltello da cucina e ha colpito la madre al petto. Ferite che le sono risultate purtroppo fatali e non c’è stato nulla da fare per salvarle la vita.

Manuela uccisa con una coltellata al petto

A dare l’allarme dopo aver ferito mortalmente sua madre è stata la figlia stessa: “Ho bisogno di aiuto, ho fatto del male alla mamma“, ha detto chiamando ieri sera il Numero Unico delle Emergenze 112. La ragazza dopo aver chiesto l’intervento dei soccorsi ha atteso i carabinieri e il sindaco Juri Imeri.

La giovane, assistita da uno specialista, è ora seguita dal Tribunale per i Minori di Brescia. La donna era molto conosciuta in città per il suo lavoro come impiegata presso un noto studio di commercialisti del posto. Terminati gli accertamenti sulla salma, è stata trasferita all’ospedale Papa Giovanni XXXIII di Bergamo, dove il magistrato di turno che ha aperto il fascicolo d’indagine ha disposto l’autopsia.

Articoli correlati

Back to top button