Cronaca

“Fake Onlus” a Lodi, Parma e Pavia, 11 perquisizioni e arresti: presunti profitti illeciti per 7 milioni

L’inchiesta, coordinata dai pm di Milano Ilda BoccassiniGianluca Prisco e condotta dalla GdF di Lodi, ha portato a 11 ordinanze cautelari (uno in carcere, 5 ai domiciliari e 5 con obbligo di firma) per associazione per delinquere, truffa ai danni dello Stato e auto-riciclaggio.

Il blitz della GdF

Sono quattro le Onlus che avrebbero utilizzato documenti fasulli per partecipare a bandi pubblici e gestire così l’accoglienza di centinaia di migranti.

Stando a quanto riportano le indiscrezioni, il presunto illecito incassato da queste onlus ammonterebbe a 7 milioni di euro e sono tutte al centro della maxi-operazione denominata “Fake Onlus”.

È un blitz pare che sancisce la fine delle operazioni illecite dietro a queste strutture che si occupavano dell’accoglienza dei migranti.

I nomi delle 4 Onlus

  • Volontari senza frontiere
  • Milano Solidale
  • Amici di Madre Teresa
  • Area Solidale

tra le varie finalità illecite, il sistema garantiva supporto economico ad alcuni soggetti colpiti da condanne per reati, tra gli altri, di associazione a delinquere di stampo mafioso e garantendo loro; stipendi senza alcuna prestazione lavorativa, misure alternative alla detenzione e documenti falsi.

I pagamenti anomali ai dipendenti

  • Salvatore Muia (20mila euro dalla Onlus “Milano Solidale”)
  • Santo Pasquale Morabito (51mila euro dalla Onlus “Gli amici di Madre Teresa Giuliani”)
  • Salvatore Camerino (20mila euro dalla onlus “Gli amici di Madre Teresa Giuliani”)

Blitz contro alcune onlus che si occupano dell’accoglienza dei migranti. Le onlus sarebbero state «sfruttate per fare ottenere a persone recluse, attraverso il rilascio di documentazione falsa, la concessione della misura alternativa alla detenzione da parte del magistrato di sorveglianza». «Non bisogna sottovalutare – aggiungendo – che ci sono altre onlus che invece hanno ben gestito la accoglienza di migranti».

«Si tratta di uno scenario di malaffare quello che emerge dall’inchiesta della Procura di Milano», si evince dalle oltre 600 pagine di ordinanza cautelare dove spunta a galla la figura di Daniela Giaconi, «accusata di aver diretto il “sistema delle quattro Onlus” malgrado numerosissimi precedenti penali, tra cui tre per bancarotta».

Erano una decina i migranti accolti da una delle cooperative al centro delle indagini, lo scorso 7 febbraio, «si sono presentati presso la Prefettura di Lodi – scrive il gip De Marchi – per protestare sulla mancata corresponsione del cosiddetto “pocket money” e sulla mancata retribuzione degli operatori presso il centro» le Onlus intascavano molti soldi pubblici erogando pochissimi servizi.

Le Onlus, secondo le indagini, sono state erette solo ed esclusivamente per lucrare sulla situazione di emergenza e fare così ingresso in maniera illecita nel canale della distribuzione delle risorse pubbliche.

Salvini su Facebook

Non manca il commento del Ministro dell’Interno, Matteo Salvini: «Undici arresti con l’accusa di truffa aggravata, auto-riciclaggio e associazione a delinquere. Il business dell’immigrazione ha fatto gola ad alcune onlus di Lodi: stamattina è scattata l’operazione con l’impiego di più di cento finanzieri. Meno sbarchi e meno soldi per i professionisti dell’accoglienza: così risparmiamo, difendiamo l’Italia e investiamo per assumere più Forze dell’Ordine. La pacchia è finita».

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Back to top button