Cronaca

Cassazione, no al panino portato da casa in mensa

No al panino in mensa. Lo hanno stabilito le Sezioni Unite della Cassazione, accogliendo un ricorso del Comune di Torino. La sentenza ha ribaltato così una pronuncia favorevole ai genitori degli alunni che preferivano alla mensa il pasto portato da casa.

Panino in mensa

Per la Cassazione non esiste un “diritto soggettivo” a consumare il panino portato da casa “nell’orario della mensa e nei locali scolastici” e la gestione del servizio di refezione è rimesso “all’autonomia organizzativa” delle scuole.

La polemica

Sulla pagina Facebook del gruppo “CaroMensa a Torino” è arrivata l’immediata risposta: “La Cassazione a Sezioni Unite ha deciso: la scuola dell’obbligo gratuita da Costituzione è da buttare nel cesso, d’ora in avanti o paghi la minestra o salti la finestra (sempre che non ti portino via la casa per morosità)”.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button