Cronaca

Medico assolto dall’accusa di violenza sessuale: assumeva farmaco contro il Parkinson e non controllava impulsi

L'ex primario di Neonatologia del Policlinico di Chieti non è imputabile

Un medico arrestato per violenza sessuale è stato assolto perché affetto da Parkinson. Nel 2014 fu arrestato perché accusato di abusi sessuali ai danni delle madri dei suoi piccoli pazienti, ma ora è stato assolto perché ritenuto incapace di volere e parzialmente capace di intendere al momento dei fatti. Come certificato da una perizia, ad alterare gli impulsi del medico era l’assunzione di un farmaco per la cura del Parkinson. Per il tribunale di Chieti, l’uomo non è dunque imputabile.

Affetto da Parkinson, assolto medico arrestato per violenza sessuale

A riportare la sentenza è Il Secolo XIX. Nel luglio 2014, l’ex primario del reparto di Neonatologia del Policlinico di Chieti era stato arrestato e posto ai domiciliari con l’accusa di violenza sessuale sulle madri dei suoi piccoli pazienti. Una perizia disposta dal collegio giudicante ha però accertato che gli impulsi del medico erano determinati dall’assunzione del farmaco contro il Parkinson.

Il medico, che nel frattempo è andato in pensione, non è ritenuto socialmente pericoloso perché, spiega Il Secolo XIX, quando il farmaco gli è stato tolto “non ha più avuto il discontrollo degli impulsi sessuali“. Nel processo erano rimaste solo due delle nove parti civili costituite.

Articoli correlati

Back to top button