Scienza e Tecnologia

Perché la SEO è il miglior investimento per la vostra startup?

La SEO può essere descritta così: è un insieme di strategie il cui compito è migliorare la visibilità di un sito sui motori di ricerca come Google

La SEO può essere descritta così: è un insieme di strategie il cui compito è migliorare la visibilità di un sito sui motori di ricerca come Google. Un posizionamento migliore può dunque portare ad una crescita del traffico organico del portale, e aumentare il numero di clienti o di potenziali clienti. In altri termini, la SEO ha un impatto diretto sia sul brand sia sul fatturato di una startup. Vediamo dunque perché la SEO può essere considerata come il miglior investimento per queste giovani realtà imprenditoriali.

Perché una startup dovrebbe investire nella SEO?

Per una startup, la SEO è fondamentale per due motivi. In primo luogo, una realtà di questo tipo di solito non ha la stessa riconoscibilità del marchio di un’azienda consolidata. Di conseguenza, deve fare affidamento sul traffico di ricerca organico per attirare i visitatori sul sito web, per convertirli e per fidelizzarli. Questo è esattamente il compito di un’agenzia SEO, ovvero di un team di professionisti specializzati nel potenziamento della visibilità organica di un’attività sul web.

In assenza di un brand consolidato, l’unica via è la creazione del brand stesso, che ovviamente richiede tempo. Il posizionamento organico può contribuire in maniera notevole, proprio perché va ad intercettare delle specifiche ricerche condotte dagli utenti. Il tutto scavalcando le spese e le difficoltà imposte dal sistema degli annunci a pagamento.

In secondo luogo, le startup hanno spesso un budget limitato per il marketing e la pubblicità, quindi devono sfruttare al massimo i soldi che si hanno a disposizione. Investire in altri canali digitali come le ADS (su Google o su social come Instagram e Facebook) può rappresentare una strategia troppo avventata e costosa per un’attività nata da poco.

Come e quando investire nella SEO per start up?

Chi ha una startup dovrebbe concentrarsi immediatamente sulla SEO, dunque fin dall’inizio della stesura di un business plan, per aiutare l’attività a crescere ottimizzando il budget a disposizione. Ci sono ovviamente alcuni strumenti migliori di altri, e alcune soluzioni pensate per portare degli ottimi risultati sul lungo periodo. Qualche esempio concreto?

  • Analizzare la concorrenza: è fondamentale capire come funziona il mercato e cosa fa la concorrenza diretta. Questa analisi può essere effettuata utilizzando strumenti specifici come Google AdWords Keyword Planner o tools come Semrush.
  • Pianificare la strategia editoriale: un passo importante è capire quali sono i contenuti più adatti da pubblicare per attirare il proprio pubblico di riferimento. Una buona strategia editoriale deve tenere conto di diversi fattori, ed è bene che se ne occupi un professionista.
  • Creare un sito web ottimizzato: il sito web su cui verranno pubblicati i contenuti deve essere progettato sin dall’inizio in un certo modo. Nello specifico, deve essere molto veloce, compatibile con i dispositivi mobile e adatto per essere navigato facilmente dagli utenti.

In definitiva, la SEO è un universo ricco di sfaccettature, ognuna delle quali richiede uno studio dedicato. Una startup può raccogliere risultati davvero clamorosi con la SEO, spendendo il giusto e creando un brand destinato a crescere naturalmente.

Articoli correlati

Back to top button