Meteo

Meteo, ondata di caldo in arrivo: temperature fino a 40°

Ultima vampata africana sull’Italia. Ma da domenica potrebbero iniziare le sorprese. Le previsioni sul meteo della nostra penisola prevedono per i prossimi giorni un’ondata di caldo con temperature che potranno raggiungere anche i 42°C a causa di un aumento della pressione atmosferica. Temporali quasi completamente assenti, salvo qualche acquazzone improvviso che potrebbe interessare l’arco alpino nelle prossime ore.

Previsioni meteo, in arrivo ondata di caldo

Secondo gli esperti de ilMeteo.it, «da giovedì i termometri inizieranno a salire in maniera decisa anche se le giornate più calde e afose saranno quelle di venerdì e sabato. Picchi di 37/38°C a Bologna, Ferrara e nel mantovano, 34/35°C a Bolzano e solo qualche grado in meno a Milano e Torino con punte comunque prossime ai 33/34°C. Andrà un po’ meglio esclusivamente lungo le coste dove registreremo punte di 29/31°C come a Genova, Venezia e Trieste».

Ondata di caldo africano anche al centro dove si registreranno 37/38°C a Firenze, 36/37°C Perugia e 34/35°C a Roma. «Anche lungo i litorali il caldo afoso si farà sentire con massime di tutto rispetto, intorno ai 34/35°C come ad Ancona ad esempio», spiegano gli esperti.

Al sud, temperature che si aggireranno intorno ai 33/34°C a Napoli, Palermo e Bari. Pù caldo in Puglia dove si arriverà fino a 38/39°C nelle zone del foggiano e del tarantino.

Le temperature più alte però si registreranno nelle zone interne della Sardegna, in particolare l’area più meridionale dell’isola, dove la colonnina di mercurio potrà addirittura schizzare fino a toccare valori prossimi ai 41/42°C.

Meteo, il caldo africano invade l’Italia: termometro sopra i 40 gradi

L’ultima vampata estiva però avrà vita breve: già da domenica infatti, il grande caldo lascerà spazio a un flusso di aria fredda che scenderà dal nord atlantico causando temporali soprattutto nel nord Italia per poi scendere anche al Centro Sud all’inizio della nuova settimana.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button