Cronaca

Propaganda Live, Diego Bianchi: “Rula Jebreal non ci conosce”

"Scegliamo le persone per storia e competenza, non per il sesso"

Diego Bianchi apre la puntata di stasera di Propaganda Live soffermandosi sul “caso Rula Jebreal“. La giornalista avrebbe dovuto partecipare per discutere la crisi israelo-palestinese, ma ha rinunciato dopo aver visto che il suo nome – in un tweet del programma – era inserito in una lista comprendente altri 7 ospiti di sesso maschile, senza altre donne invitate.

Propaganda Live e il caso di Rula Jebreal

Siamo diventati noi la notizia e questo ci sorprende. Avevamo deciso di raccontare quelli che sta succedendo tra Israele e Palestina con un’ospite, la giornalista Rula Jebreal. Non la conosco, ci siamo parlati ieri sera ed eravamo molto contenti di avere la sua competenza in trasmissione. Il venerdì mattina utilizziamo i social per comunicare quali sono gli ospiti della puntata. Noi inseriamo un po’ tutti quanti“, dice Diego Bianchi.

“Rula Jeabreal non conosce il nostro programma”

Qual è l’errore? Inserire l’ospite, in questo caso Rula Jebreal, insieme ad un elenco e a parti del cast che si compone con dinamiche casuali. Morale della favola, Rula Jebreal ha visto questo post stamattina e si è trovata unica donna tra 7 uomini. Per coerenza ha scelto di non venire, Rula Jebreal non conosce la nostra trasmissione altrimenti saprebbe che questo programma, tra tante difficoltà e tanti errori, ha vinto il Diversity Award“, afferma ancora.

Chiamiamo una persona in trasmissione perché è competente, non per il sesso. Chiudo dicendo che l’episodio è spiacevole perché avevamo chiamato Rula Jebreal non in quanto donna. Ci sembrava la persona migliore, per storia e competenze, per intervenire. Mi dispiace, qui saremo tutti uomini e non ci sarà nessuno a parlare di Palestina con quell’approccio che avremmo voluto condividere“, dice dando inizio alla puntata.

Articoli correlati

Back to top button