Cronaca

Covid, tutti i nuovi comuni in zona rossa: la mappa regione per regione

Covid, la mappa dell'Italia cambia ancora e si tinge di rosso. Quali sono i comuni che passeranno in zona rossa? La situazione regione per regione

La mappa dell’Italia cambia ancora e si tinge sempre più di rosso. Da lunedì 15 marzo passano in zona rossa molte Regioni: a rischio alto a causa del Covid abbiamo Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Veneto e la Provincia autonoma di Trento che si aggiungono a Campania e Molise che già erano in zona rossa e vi restano.

Quasi tutte le altre Regioni saranno arancioni: Abruzzo, Calabria, Liguria, Toscana, Sicilia, Umbria, Valle d’Aosta. Sulla Basilicata sono in corso controlli mentre la Sardegna è l’unica Regione che resta zona bianca. Poi ci sono le restrizioni a livello locale, con mini zone rosse a livello provinciale o comunale.  Ma quali sono i comuni che passano in zona rossa? Vediamolo insieme.

Tutti i comuni in zona rossa, la mappa regione per regione

La Calabria è zona arancione secondo il Governo, ma dalle 22 del 13 marzo a tutto il 28 marzo nei Comuni di Petilia Policastro (Crotone) e San Nicola da Crissa (Vibo Valentia) e nelle frazioni Piani di Acquaro (Vibo Valentia) e Piminoro di Oppido Mamertina (Reggio Calabria) saranno in vigore le limitazione da zona rossa.

Le zone rosse locali in Abruzzo (zona arancione)

L’Abruzzo resta arancione, ma ha ben 35 comuni in zona rossa, tra cui l’area metropolitana Pescara Chieti dove, nonostante un mese di maggiori restrizioni, i numeri restano altissimi. L’Rt regionale sale a 1,05, mentre la classificazione di rischio complessiva passa da “alto” a “moderato”. L’incidenza media settimanale si abbassa in tre province su quattro, tranne L’Aquila, e supera i 250 casi per 100mila abitanti solo a Pescara (327). L’incidenza è al di sopra di 250 in tutta l’area metropolitana Pescara-Chieti.

L’elenco dei comuni sottoposti a misure più restrittive viene così modificato. Provincia di Teramo: Silvi, Pineto e Roseto e si aggiunge Tortoreto. Provincia di Chieti: Chieti, Torrevecchia Teatina, Ripa Teatina, Miglianico, Bucchianico, San Giovanni Teatino, Lanciano, Ortona, Francavilla al Mare e Montazzoli. Provincia di Pescara: escono dalle restrizioni Castiglione a Casauria, Torre de’ Passeri, Turrivalignani, Scafa, Caramanico Terme e San Valentino in Abruzzo Citeriore. Restano in zona rossa Pescara, Spoltore, Montesilvano, Città Sant’Angelo, Pianella, Lettomanoppello, Manoppello, Cepagatti. Si aggiungono Collecorvino, Catignano, Rosciano, Moscufo, Cappelle sul Tavo. Provincia di L’Aquila: confermati Ateleta, Capitignano, Ovindoli, Castelvecchio Subequo, Cagnano Amiterno, Pizzoli. Esce Roccaraso, ma si aggiungono Sante Marie e Rivisondoli. Le misure maggiormente restrittive che si continueranno ad adottare sono le stesse attualmente in vigore, che per effetto dell’Ordinanza vengono prorogate fino a domenica 21 marzo compresa.

Piemonte anticipa la zona rossa per due Comuni nella provincia di Cuneo

Il Piemonte, finora arancione scuro e che sarà zona rossa a partire da lunedì, anticipa le misure restrittive in due comuni della Provincia di Cuneo, Boves e Borgo San Dalmazzo. Il provvedimento scatterà da sabato alle 19: secondo l’ordinanza, la misura si rende necessaria alla luce del repentino aggravamento del quadro epidemiologico locale. Sale così a 25 il numero dei Comuni piemontesi già in zona rossa:3 in provincia di Torino, 14 nel Cuneese, 7 nella Valle Vigezzo (Verbano-Cusio-Ossola), uno nel Vercellese.

Cinque comuni zona rossa in Sicilia (da lunedì arancione)

Nella Sicilia che da lunedì diventa arancione ci sono cinque zone rosse per rischio Covid che resteranno tali per 15 giorni. Le restrizioni riguardano i comuni di Altavilla Milicia e San Mauro Castelverde, nel Palermitano; Montedoro, in provincia di Caltanissetta; Portopaolo di Capo Passero, nel Siracusano; Raffadali in provincia Agrigento.

Nella Sardegna zona bianca La Maddalena resta zona rossa

La Sardegna è stata confermata zona bianca, unica regione d’Italia, ma al suo interno La Maddalena resta in zona rossa per altri sette giorni.


 

Articoli correlati

Back to top button