EconomiaPolitica

Decreto Sostegni bis, ecco la bozza: da bolletta e affitti, tutti i bonus

Quando entra in vigore il Decreto Sostegni bis? La bozza è sul tavolo del governo. Ecco tutti i bonus a sostegno delle imprese, dei lavoratori, ma anche di famiglie e disoccupati

Quando entra in vigore il Decreto Sostegni bis? La bozza contenente i bonus è sul tavolo del governo. Le ultime notizie di oggi riguardano una proroga al 31 luglio del taglio degli oneri in bolletta per un costo per le casse dello stato di 150 milioni, secondo quanto prevede una bozza del dl oggi sul tavolo del Consiglio dei ministri. Con il decreto arriverebbe anche l’agevolazione sulla tassa sui rifiuti, Tari. Costo dell’operazione 600 milioni.

Decreto Sostegni bis, la bozza e i bonus previsti

“In relazione al perdurare dell’emergenza epidemiologica, al fine di attenuare l’impatto finanziario sulle categorie economiche interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività, è istituito, nello stato di previsione del Ministero dell’interno, un bonus con una dotazione di 600 milioni di euro per l’anno 2021, finalizzato alla concessione da parte dei comuni di una riduzione della Tari”, si legge nella bozza.

Bozza decreto Sostegni bis: i bonus per il turismo

E ancora: in arrivo misure per il settore turistico, delle attività economiche e commerciali nelle Città d’Arte e il bonus alberghi, prevede sempre la bozza del dl. Il fondo per i turismo è incrementato con 150 milioni per il 2021 e 2022.

Affitti

Inoltre, proroga al 31 luglio del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda.

Tessile e moda

Credito d’imposta per il settore del tessile e la moda, prevede ancora una bozza del dl Sostegni Bis che l’Adnkronos ha potuto visionare. L’onere della misura è pari a 170 milioni di euro per il 2021 e 150 milioni di euro per il 2022.

Contributo a fondo perduto

Il decreto sostegni bis ha introdotto anche un’importante novità: un Contributo a Fondo Perduto a copertura delle perdite subite nel 2021. Il nuovo contributo a fondo perduto sarà erogato in automatico a tutti quei soggetti che hanno già ottenuto la stessa indennità prevista nella prima versione del decreto sostegni.


Articoli correlati

Back to top button