Cronaca

Covid: i motivi per cui l’immunità di gregge è probabilmente impossibile

Quando raggiungeremo l'immunità di gregge del Covid: lo studio secondo cui difficilmente il virus smetterà di circolare

Quando raggiungeremo l’immunità di gregge dal Covid? Forse mai. È questo lo scenario che inizia a delinearsi all’orizzonte. Insomma, la “libertà guadagnata” potrebbe non coincidere con l’immunità di gregge, ma con una ridotta, seppur efficace, immunità di massa.

L’immunità di gregge – come riportato dal Corriere della Sera – può essere raggiunta solo con alti tassi di vaccinazione che dipendono a loro volta dal potere di trasmissione di un virus. La maggior parte delle stime aveva calcolato una soglia del 60-70% della popolazione per arrivare, tramite vaccinazioni o passata esposizione al virus, all’immunità di gregge.

Covid, quando raggiungeremo l’immunità di gregge: lo studio

Nelle scorse ore Nature ha pubblicato un articolo che fa il punto sulla questione, elencando i motivi per cui probabilmente non raggiungeremo un numero sufficiente di persone immuni al Covid per bloccare totalmente la circolazione del virus.

In primo luogo non è ancora chiaro se i vaccini prevengano anche la trasmissione del Covid. I vaccini sono stati studiati per prevenire le malattie sintomatiche e lo fanno molto bene, ma non è ancora chiaro se proteggano le persone dall’infezione e quindi prevengano anche il contagio verso altri soggetti.

Varianti più contagiose e reinfezioni

Un altore fattore è rappresentato dal fatto che le nuove varianti del Covid sono più trasmissibili. Per avere il dato sull’immunità di gregge si usa questa formula: 1-1/R0. Ovvero 1 meno ⅓. Tutto dipende dal valore di R0. Per Sars-CoV-2, nel periodo pre-lockdown, è risultato 3, e il calcolo dell’immunità di gregge per l’Italia arrivava al 66% della popolazione (quindi 40 milioni di persone) con anticorpi.

Quanto dura l’immunità?

Quinta variabile. L’immunità naturale, quella acquisita con l’infezione, e quella data dal vaccino, potrebbero non durare per sempre. Sembra che l’immunità associata all’infezione diminuisca nel tempo e questo deve essere preso in considerazione nei calcoli. Sarà anche importante capire per quanto tempo durerà l’immunità basata sui vaccini e se nel tempo saranno necessari dei richiami. Si deve ipotizzare che il virus possa circolare ancora in persone che hanno perso l’immunità.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Più contatti nella vita che riprende

Ultima considerazione, man mano che le persone vengono vaccinate, aumentano le loro interazioni e questo cambia l’equazione, che dipende in parte dal numero di persone esposte al virus. Facciamo l’esempio di un vaccino che offra una protezione del 90%: se prima del vaccino al massimo abbiamo incontrato una persona e ora, da vaccinati, ne incontriamo 10, siamo tornati «al punto di partenza». Anche se la soglia di vaccinazione fosse molto alta, si verificheranno ancora focolai isolati e allo stesso tempo le persone vaccinate probabilmente si proteggeranno meno. Pensiamo alla stagione influenzale di quest’anno, praticamente azzerata grazie a distanziamento e mascherine: il comportamento può cambiare l’equazione.

Articoli correlati

Back to top button