Economia

Quanto costano ai cittadini i dipendenti della Pubblica Amministrazione? Ecco tutto quello che c’è da sapere

Quanto costano ai cittadini italiani i dipendenti della Pubblica Amministrazione? Secondo il direttore generale Dominici, per ogni dipendente, i cittadini spendono in media circa 3mila euro l’anno. Aumentano, poi, i pensionati. È quanto emerge dai dati diffusi.

Quanto costano i dipendenti della Pubblica Amministrazione?

Ogni cittadino italiano spende mediamente 2.870 euro l’anno per pagare i redditi dei dipendenti pubblici. Una cifra inferiore alla media europea, certo, ma non banale per lavoratori che il direttore generale del Forum Pubblica amministrazione, Gianni Dominici definisce “pochi, anziani e poco qualificati“.

La situazione, però, è destinata solo a peggiorare. Per almeno due motivi: il primo dipende dalla mancanza di investimenti in formazione (appena 48 euro l’anno per dipendente, ndr); il secondo è legato al fatto che dal prossimo anno, all’interno della Pubblica amministrazione, ci saranno più pensionati che lavoratori attivi. Un’inversione pericolosa, accelerata dall’entrata in vigore di Quota 100.

La ricerca

Secondo la ricerca sul lavoro pubblico presentata in apertura di “FORUM PA 2020 – Resilienza digitale”, la manifestazione dedicata ai temi dell’innovazione e della trasformazione digitale, organizzata da FPA, società del Gruppo Digital360, a fronte di 3,2 milioni di impiegati pubblici italiani, i pensionati sono già 3 milioni, ma 540mila dipendenti hanno già compiuto 62 anni (il 16,9% del totale), mentre 198mila hanno maturato 38 anni di anzianità. “La pensione anticipata – si legge – è stata parzialmente accelerata da Quota 100, nel 2019 sono uscite anticipatamente 90mila persone, ma è comunque prassi comune: il 57,7% dei pensionati pubblici attuali ha optato per il ritiro anticipato, solo il 13,7% per raggiunti limiti di età (mentre questa percentuale è il 20% nel privato e il 28% negli autonomi)”.


Leggi anche:

Articoli correlati

Back to top button