Cronaca

Rai querela Fedez dopo i fatti del Primo Maggio: diffamazione e danno d’immagine

La Rai sarebbe pronta alle vie legali dopo le accuse di Fedez di censura nel Concerto del Primo maggio

Colpo di scena nella vicenda di Fedez e il tentativo di censura al Concerto del Primo Maggio da parte della Rai. Dopo la richiesta del rapper di essere ascoltato in commissione di vigilanza per rispondere alle accuse di “manipolazione” del direttore di Rai3, Franco Di Mare, “la Rai avrebbe dato mandato al suo ufficio legale di avviare querela contro Fedez per diffamazione aggravata e per grave danno d’immagine a seguito delle vicende di cui sopra“. A riportare l’indiscrezione è TvBlog, secondo cui la querela dovrebbe essere depositata nei prossimi giorni.

Primo Maggio: Fedez e l’appello alla Rai “Ascoltatemi in vigilanza”

Nelle scorse ore, Fedez aveva scritto al presidente della Vigilanza Rai, Barachini, per chiedere di esporre la sua versione dei fatti, essendo stato nominato “costantemente, sia dagli onorevoli intervenuti, che dal direttore Francesco Di Mare“.

Di Mare e le accuse a Fedez

Il direttore della di Rai 3, Franco di Mare, aveva accusato Fedez di “manipolazione dei fatti“, che per chi l’ha orchestrata avrebbe dovuto rappresentare una censura da parte della Rai che non c’è mai stata. Il riferimento era alla pubblicazione della telefonata intercorsa tra il rapper ed alcuni rappresentanti dei vertici Rai, nonché dell’organizzazione del concertone del Primo Maggio, nel corso della quale Fedez contesta il tentativo di edulcorare il discorso che avrebbe pronunciato sul palco. Sempre nella sua audizione in vigilanza Di Mare aveva aggiunto: “Questa manipolazione ha ottenuto l’effetto desiderato, quello di gettare discredito sul servizio pubblico“.

Articoli correlati

Back to top button