Coronavirus, ecco l’indennità di 600 euro: le procedure sul sito Inps

Reddito-emergenza-1-aprile-domanda-come-si-fa

Reddito di emergenza, dall'1 aprile al via le domande. Ecco chi può richiedere l'indennità di 600 euro e come fare per richiederla all'Inps

Sarà possibile richiedere dal martedì 1 aprile, il reddito di emergenza, una misura prevista dal governo per quelle persone in difficoltà dal punto di vista economico a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.

Reddito di emergenza, al via le domande

In primo luogo è necessario avere una partita Iva e che questa sia stata aperta entro il 23 febbraio 2020. Da martedì 1 aprile, basterà andare sul sito dell’Inps, accedere su MyInps  e poi andare nella sezione “Domande” per prestazioni a sostegno del reddito. Lì, si potrà inviare la richiesta dell’Indennità Covid (c’è già la voce Indennità Covid-19)

Chi può accedere a questa misura?

  • Professionisti con partita IVA e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa (con l’apertura della partita Iva o del contratto entro il 23 febbraio 2020);
  • Lavoratori autonomi iscritti alla Gestione speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria, cioè gli artigiani, i commercianti, i coltivatori diretti, coloni e mezzadri;
  • Lavoratori del turismo e degli stabilimenti termali: i dipendenti stagionali del turismo e degli stabilimenti termali devono aver interrotto il loro lavoro tra il 1 gennaio 2019 e il 17 marzo 2020;
  • Lavoratori agricoli operai a tempo determinato: bisogna dimostrare che nel 2019 si sia lavorato almeno 50 giornate di effettivo lavoro agricolo dipendente;
  • Lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo pensioni dei lavoratori dello spettacolo: bisogna avere almeno 30 contributi giornalieri versati nel 2019, non avere più di 50 mila euro di reddito e non avere, al 17 marzo 2020, un rapporto di lavoro;
  • In tutti i casi non bisogna avere un trattamento pensionistico. Inoltre, chi già prende il reddito di cittadinanza non può fare cumulo con l’indennità Covid.

Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG