Cronaca
Trending

Piscine e palestre verso la riapertura a marzo | Il documento con le regole

Quando riaprono palestre e piscine: tutte le regole per la riapertura. Mascherine obbligatorie, distanza e niente doccia

Arrivano le regole per la riapertura di palestre piscine. Una serie di norme stilata dal Comitato Tecnico Scientifico su proposta del Ministero dello Sport. L’obiettivo è quello di una graduale riapertura con regole ben definite per evitare un nuovo aumento di contagi.

Il protocollo sarà applicato dal 6 marzo ma l’ultima decisione in merito spetterà al nuovo governo. Si ripartirà dagli sport individuali, per poi passare a quelli di squadra e infine a quelli di contatto, dove il rischio di diffusione del Covid è decisamente maggiore.

Quando riaprono palestre e piscine? Ecco le regole per la riapertura

Nel documento presentato dal Ministero dello Sport, si fa riferimento alle differenze tra le fasce di colore. Per le regioni in fascia arancione è previsto che “oltre alle attività consentite nelle aree zona rossa siano consentite nelle palestre, piscine e tensostrutture le attività sportive di base individuali, anche acquatiche, e le attività sportive dilettantistiche non di squadra o di contatto; sono inoltre consentiti gli allenamenti per le attività sportive di contatto e per gli sport di squadra esclusivamente se svolti in forma individuale, nel rispetto del distanziamento e del divieto di assembramento. Consentite le attività sportive e di danza indirizzata ai bambini in età scolare, in coerenza con l’apertura delle scuole”.


quando-riaprono-palestre-piscine-gennaio-2021


In zona gialla, “oltre alle attività consentite nelle aree zona rossa e zona arancione, sono consentiti gli allenamenti per gli sport di contatto e di squadra dilettantistico e di base”.

Le distanze in palestra

Inizialmente saranno permesse soltanto lezioni individuali mantenendo la distanze tra le persone a 2 metri. “È obbligatoria la pulizia delle aree di contatto di ciascun attrezzo dopo ogni utilizzo da parte dell’utente con opportuno prodotto. Attrezzi e materiali devono essere sempre sanificati”.

Inoltre bisognerà “utilizzare ove possibile, tappetini propri, o se di uso collettivo è obbligatorio igienizzarli prima e dopo la sessione di allenamento”. Negli spogliatoi non si potranno lascare “indumenti indossati per l’attività fisica, ma bisogna riporli in zaini o borse personali”. Una volta tornati a casa “è consigliato lavarli separatamente dagli altri indumenti”.


regole-palestre-piscine-quando-riaprono-6-marzo


Resterà vietato fare la doccia in palestre così come sarà obbligatorio indossare la mascherina per gli operatori. Il numero di dispenser e la quantità di gel disinfettante da mettere a disposizione “va calibrato non solo in base alla superficie ma anche in funzione del numero di potenziali utenti che potrebbero utilizzarlo”.

I 10 metri di piscina

Per quanto concerne le piscine, chi nuota dovrà avere a disposizione 10 metri quadri. Per gli spogliatoi valgono le stesse regole previste per le palestre. Anche in questo caso mascherina obbligatoria per allenatori ed atleti fuori dalla vasca.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button