CronacaPolitica

Scuola, riapertura a rischio caos: incognite orari, spazi, e trasporti pubblici

La riapertura della scuola a settembre 2021 è a rischio caos: come sarà il rientro in aula degli alunni

La riapertura della scuola a settembre 2021 è a rischio caos. Mancano ancora 3 settimane per l’avvio delle lezioni in classe, e sono ancora tanti i nodi da sciogliere. Restano le incognite su orari, spazi e areazione. Come sarà il rientro tra i banchi? Vediamo insieme di rispondere a tutte le domande.


LEGGI ANCHE >>> Quando si torna a scuola? Ecco tutte le date | Il calendario regione per regione


Come sarà la riapertura della scuola a settembre 2021: i nodi da sciogliere

Per arginare alla mancanza di aule aggiuntive, ad esempio,  sono stati stanziati fondi ad hoc in modo da affittare spazi extrascolastici ma in realtà sono poche le aule reperite: dagli enti locali infatti non sono arrivate grandi opportunità, soprattutto nelle grandi città, come Roma, dove qualche aula in più è arrivata solo dalle parrocchie.  E così, laddove il distanziamento tra i banchi non sarà garantito, si resterà sì in presenza ma con qualche rischio in più.

I trasporti pubblici

Ancora da sciogliere anche il nodo relativo ai trasporti pubblici, che dovendo viaggiare a capienza ridotta fino  un massimo  dell’80%, potrebbe mettere a rischio la ripresa delle lezioni in presenza: o si viaggia su mezzi sovraffollati o si arriva in ritardo a destinazione. Anche in questo caso i mezzi messi a disposizione non sono abbastanza.

Obbligo green pass per i docenti

Per i docenti, invece, arriva l’obbligo della certificazione verde. Sarà necessario controllarla solo che non è stato deciso come e con quale cadenza (se tutti i giorni oppure ogni 3 per verificare i tamponi). Si tratta di un nuovo adempimento su cui le scuole chiedono di sapere di più, proprio per non ingolfare gli accessi, di mattina, in un orario già delicato.


Il sito del Ministero della Salute

 

 

 

Articoli correlati

Back to top button