Cronaca

Ricci di mare pescati illegalmente, sequestro dei Carabinieri nel Lazio

2 mila gli esemplari catturati e poi liberati. Elevata sanzione per 8 mila euro

Ricci di mare pescati illegalmente, sequestro dei Carabinieri forestali nel Lazio. Il sequestro è avvenuto nell’ambito dei controlli finalizzati al contrasto della pesca abusiva.

2 mila ricci di mare pescati illegalmente

I militari dei Carabinieri del nucleo forestale della stazione di Tarquinia hanno condotto controlli finalizzati al contrasto della pesca abusiva. Lungo il litorale laziale tra Tarquinia e Montalto di Castro sono stati sequestrati circa 2 mila esemplari di Riccio di mare, e contestuale liberazione in mare, oltre dell’attrezzatura utilizzata per la pesca, e alla contestazione di verbali amministrativi verso i responsabili per un totale di 8 mila euro.

Ricci di mare a rischio estinzione per la pesca abusiva

Lo scopo dei carabinieri forestali è salvaguardare l’ambiente e le specie animali, soprattutto quelle a rischio di estinzione tra cui il Riccio di mare. Esso è un organismo vivente presente nei mari italiani la cui ridotta quantità  porta ad una pesca massiccia per soddisfare la richiesta del mercato rappresentando di conseguenza un pericolo per la sua esistenza.

Articoli correlati

Back to top button