Cronaca

Riparte il processo contro Grillo jr: in aula a sorpresa due degli imputati

Nuova rotazione di testimonianze al tribunale di Tempio Pausania, dove è in corso la seconda udienza per il processo a carico di Ciro Grillo

Riparte il processo contro Grillo jr. Oggi, 6 luglio, in aula si sono presentati due degli imputati. Si sono presentati a sorpresa in udienza, al Tribunale di Tempio Pausania, Edoardo Capitta e Vittorio Lauria, due dei quattro amici genovesi che con Ciro Grillo e Francesco Corsiglia sono a processo con l’accusa di violenza sessuale di gruppo su due ragazze.

Riparte il processo contro Grillo Jr

I due imputati non dovevano essere sentiti in aula ma hanno voluto essere presenti all’udienza in cui sono stati ascoltati otto testimoni. “Sono venuti per farsi vedere così hanno dimostrato che esistono, perchè a questo punto dubito anche della mia esistenza in questo processo“, ha detto uscendo dal palazzo di giustizia l’avvocato Andrea Vernazza, difensore di Grillo jr. Un’udienza fiume iniziata intorno alle 13 e andata avanti per oltre 6 ore con alcune pause.

Le testimonianze raccolte

Il collegio dei giudici, presieduto da Marco Contu (a latere Nicola Bonante e Marcella Pinna), ha raccolto le deposizioni di quattro vicini che si trovavano nel residence la notte della presunta violenza, i quali hanno dichiarato di non avere né visto né sentito nulla di anomalo. Sono poi comparsi in aula il tassista che accompagnò le due ragazze dal b&b di Palau, dove alloggiavano, sino a casa dell’amico Alex Cerruti, da dove poi avrebbero raggiunto il Billionaire, in Costa Smeralda. Il tassista ha detto di ricordare che le due ragazze erano un po’ agitate, ma non ubriache.

La testimonianza dell’amministratore del Billionaire

Fra i testimoni di oggi anche l’amministratore del Billionaire, Roberto Pretto, e tre carabinieri: il maresciallo Luca Levrini e Antonio Cossu, del Nucleo operativo del Reparto territoriale di Olbia, che fecero il sopralluogo nell’appartamento dei Grillo, effettuato attività investigative e trascrizioni dei file contenuti nei telefonini delle presunte vittime e degli imputati, e la la marescialla Cristina Solomita, della Compagnia “Duomo” di Milano, che raccolse la denuncia della ragazza italo norvegese e ha fatto accertamenti tecnici sulle celle telefoniche delle ragazze e dei quattro amici genovesi.

Processo rimandato al 21 settembre

È stata un’udienza molto utile, le dichiarazioni dei vicini di casa e le spiegazioni dei pubblici ufficiali che hanno svolto accertamenti e indagini confermano l’impianto difensivo sulla innocenza dei nostri assisiti“, commenta l’avvvocata della difesa, Antonella Cuccureddu. Il processo è stato aggiornato al 21 settembre, quando in tribunale saranno chiamati a deporre altri testimoni indicati dalla Procura.

I fatti

Violenza che sarebbe stata commessa la notte fra il 16 e 17 luglio 2019 in un appartamento di proprietà della famiglia Grillo, in un residence a Porto Cervo, in Costa Smeralda.

Articoli correlati

Back to top button