Economia

Ristrutturare il bagno: come funzionano le detrazioni

Hai in programma una ristrutturazione completa del bagno di casa ma non hai ancora capito come funzionano le detrazioni e se effettivamente ne puoi usufruire?

Hai in programma una ristrutturazione completa del bagno di casa ma non hai ancora capito come funzionano le detrazioni e se effettivamente ne puoi usufruire? Oggi faremo chiarezza su alcuni aspetti che spesso vengono sottovalutati, generando confusione su un argomento piuttosto complesso. Come infatti saprai, sono previste delle detrazioni per le opere di ristrutturazione edilizia e sono state confermate anche per il 2021. Non sempre tuttavia è possibile ottenere tale agevolazione, dunque conviene informarsi a dovere prima di intraprendere qualsiasi intervento.

Bonus ristrutturazione bagno: come funziona

Il bonus ristrutturazione è applicabile a tutti gli interventi di ristrutturazione edilizia che non rientrino nell’ambito delle opere di manutenzione ordinaria. È possibile dunque usufruire delle detrazioni Irpef previste solo se si ristruttura completamente il bagno di casa, ma non nel caso si intenda sostituire semplicemente alcuni arredi o sanitari.

Manutenzione ordinaria o straordinaria?

È importante quindi distinguere la manutenzione ordinaria da quella straordinaria, perché nel primo caso non si ha diritto al bonus ristrutturazione mentre nel secondo sì. Qualora dunque si rifacesse l’impianto idrico e si rinnovasse completamente il bagno, sarebbe possibile farsi un nuovo box doccia facendo rientrare la spesa nel bonus ristrutturazione. Se al contrario si volesse sostituire solo il lavabo, questo sarebbe considerato intervento di manutenzione ordinaria e dunque non si potrebbero ottenere le detrazioni Irpef previste.

Vuoi rinnovare il bagno? Conviene ristrutturarlo

Se dunque vuoi rinnovare il bagno ed usufruire delle detrazioni Irpef previste, ti conviene effettuare un intervento di ristrutturazione completo perché altrimenti non avresti diritto a questo bonus. Certo, tutto dipende dagli interventi che hai in mente di fare, ma è importante ricordare che la semplice sostituzione di alcuni arredi e sanitari non ti permette di ottenere le detrazioni previste per il bonus ristrutturazione. Esistono tuttavia delle altre forme di bonus che nel 2021 potrebbero interessarti, perché riguardano proprio il bagno.

Bonus Bagno 2021: come funziona

Con la nuova Legge di Bilancio è stato introdotto anche il Bonus Bagno 2021, che si pone come alternativa per coloro che non hanno intenzione di effettuare interventi di ristrutturazione veri e propri ma che vogliono sostituire i sanitari. Nel dettaglio, questo bonus prevede un contributo pari a 1.000 euro e non ha dunque nulla a che fare con le detrazioni Irpef né con altre forme di sostegno basate sul reddito familiare (ISEE). Possono dunque usufruirne tutti.

Il Bonus Bagno 2021 però è previsto esclusivamente per i seguenti interventi:

  • Acquisto e posa di sanitari con un volume massimo di 6 litri d’acqua di scarico;
  • Acquisto e installazione di soffioni doccia, colonne doccia e rubinetteria a risparmio idrico.

Per quanto riguarda l’ultimo punto bisogna prestare attenzione, poiché il limite di portata per la rubinetteria deve essere inferiore ai 6 litri mentre per i soffioni ai 9 litri di acqua al minuto.

Il 2021 è un ottimo anno per rinnovare il bagno

In sostanza dunque il 2021 è un ottimo anno per intraprendere interventi di ristrutturazione o semplicemente rinnovare il bagno. Le agevolazioni ed i bonus previsti sono diversi e conviene certamente approfittarne.

Articoli correlati

Back to top button