GossipTv e Spettacoli

Rita Rusic: la separazione da Vittorio Cecchi Gori

L’ex produttrice oggi vive a Miami e ha una nuova vita, ma ha parlato della separazione da Cecchi Gori

Rita Rusic: ha rilasciato un’intervista per il Corriere della Sera e ha parlato della separazione da Vittorio Cecchi Gori e della sua nuova vita. Infatti, al momento vive a Miami, è felice ed è fidanzata con uomo di 32 anni. Per lei, però, le cose non sempre sono andate nel migliore dei modi.

Rita Rusic: la separazione da Cecchi Gori

La separazione da suo marito, non è stata per niente semplice. In realtà, neanche il loro rapporto neanche nel corso del tempo, nonostante se ne sia accorta dopo. ”A Vittorio non piaceva che facessi l’attrice, ma neanche che andassi all’università, in palestra… Ho fatto tre anni di accademia drammatica e studiato inglese, spagnolo, fatto palestra, tutto a casa.

Lui era molto possessivo, io molto giovane e abbastanza stupida: mi sentivo gratificata dalla sua gelosia. Molto presto, ho iniziato ad andare in ufficio con lui, non volevo stare a casa e volevo capire cosa fa un produttore. Alcuni interlocutori erano imbarazzati dalla mia presenza, ma Vittorio era fermissimo. Diceva: se parli con me, parli anche con lei”. 

Le parole di Rita Rusic

Poi ha parlato, di quando è iniziata la crisi. ”Forse la crisi con Vittorio inizia quando, ricevendoci, l’ambasciatore francese disse: l’allieva che supera il maestro. Capii subito che era la fine. I litigi cominciarono dopo la cover di Lady Ciclone, su Sette . Lui iniziò a soffrire il mio successo, come se togliesse qualcosa a lui. Era come dire: è brava la moglie, non lui. Non era vero. Forse come produttore ero più brava io, mi piaceva lavorare col regista, gli sceneggiatori…”

Alla fine ha aggiunto: ”Ma come imprenditore lui aveva più visione. Io non vedevo competizione, ma compensazione. Lui, invece, iniziò a considerarmi una nemica, non più la donna che eravamo partiti con due film all’anno ed eravamo arrivati a farne 60. Ormai avevamo la Fiorentina, Tmc, case ovunque, aerei privati, andavamo su barche da un miliardo di lire al mese. Era una dimensione non normale e anche le tensioni erano fuori dall’ordinario”. Ha poi concluso, dicendo che la separazione è stato un brutto momento: ‘‘Ho capito che voleva annientarmi”, ha confessato.

Articoli correlati

Back to top button