Cronaca

Arresti per corruzione a Roma, in manette anche un vigile urbano

Tre gli arresti, sospesi anche altri caschi bianchi. L'accusa contestata è quella di corruzione

Arresti per corruzione a Roma, in manette anche un vigile urbano. A eseguire la misura i militari della Guardia di finanza del Comando provinciale dopo attente indagini.

Arresti per corruzione a Roma, in manette anche un vigile urbano

Tre persone sono state arrestate a Roma, tra cui anche un agente della polizia locale di Roma Capitale, dalla Guardia di finanza del comando provinciale con l’accusa di corruzione. Gli altri due soggetti sono dei tecnici soci di uno studio ubicato nella capitale e avrebbero ricevuto delle “soffiate” in cambio di denaro. Infatti la vicenda riguarda presunti episodi in cui i pubblici ufficiali fornivano informazioni riservate, avvisando in modo preventivo dei controlli amministrativi.

Le Fiamme gialle: arresti eseguiti per via della “gravità indiziaria”

Così sono motivati gli arresti come si legge in una nota delle Fiamme gialle: “Sulla base degli elementi di prova finora raccolti e grazie alla collaborazione fornita dal Comune e della Polizia locale il gip ha ritenuto raggiunta la gravità indiziaria in ordine ai delitti contestati, per i quali la procura della Repubblica ha richiesto l’applicazione delle misure cautelari“.

Sospesi anche altri 3 agenti della Polizia di Roma capitale

Il gip ha disposto inoltre la misura della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio per la durata di tre mesi nei confronti di altri 3 agenti della polizia locale. I caschi bianchi, inoltre, sono accusati di aver omesso di rilevare irregolarità o violazioni in occasione di controlli.

Articoli correlati

Back to top button