Cronaca

Roma, 60enne morto dopo intervento per la rimozione dei calcoli ai reni: si indaga per omicidio colposo

La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti per far luce sulle cause del decesso di un uomo di 60 anni morto a causa di una forte emorragia dopo essersi sottoposto ad un’intervento per rimuovere dei calcoli ai reni all’ospedale Vannini.

Roma, morto dopo intervento: si indaga per omicidio colposo

Il fascicolo d’indagine è stato aperto dopo una denuncia sporta dai familiari dell’uomo. Il 60enne si era sottoposto, all’ospedale Vannini, ad un’operazione chirurgica, per rimuovere dei calcoli ai reni. Il 5 marzo scorso l’uomo è deceduto a causa di una grave emorragia.

I cari del 60enne ritengono che si tratti di un caso di malasanità e vogliono vederci chiaro. Sulla salma dell’uomo è già stata eseguita l’autopsia, della quale si attendono i risultati. Inoltre, i carabinieri hanno sequestrato le cartelle cliniche del paziente.

L’operazione

I fatti sono accaduti a febbraio scorso. Il 60enne, soffriva di calcolosi, con dolori molto intensi, nausea e coliche improvvise. Per questo si era rivolto ai medici dell’ospedale Vannini per sottoporsi all’operazione. Poi la forte emorragia che ha reso necessario una seconda operazione. Nonostante tutti gli sforzi del personale medico l’uomo si è spento dopo dieci giorni di agonia.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio