Il Roma Pride, in testa alla manifestazione c’è Vladimir Luxuria

Gay-Pride-roma

È partito da piazza della Repubblica il Roma Pride. Il corteo terminerà in Piazza della Madonna di Loreto. Alla testa della manifestazione Vladimir Luxuria

È partito da piazza della Repubblica il Roma Pride. Il corteo terminerà in Piazza della Madonna di Loreto, alla testa della manifestazione Vladimir Luxuria. La madrina dell’evento Porpora Marcasciano, presidente onoraria del movimento identità Transessuale e figura storica del transfemminismo italiano. Centinaia di persone sventolano cartelli con slogan quali ‘Più papillon meno pillon’ e ‘l’omofobia è maschilismo’.

Il Roma Pride, in testa alla manifestazione c’è Vladimir Luxuria

Sebastiano Secci, portavoce del Roma Pride e presidente del Circolo Mario Mieli:

Nostra la storia, nostre le lotte: questo lo slogan del Roma Pride di quest’anno. Una parata particolare perché ricorda i 50 anni di Stonewall, la notte in cui è nato il movimento Lgbt internazionale. Nel 1994, inoltre, 25 anni fa il primo Roma Pride.

Da uno dei coloratissimi carri si sente ‘New York, New York’ di Liza Minnelli a richiamare la ricorrenza storica di Stonewall. Racconta Secci:

Nel 2019 non possiamo solo spegnere le candeline, è necessario portare avanti le nostre lotte. La nostra comunità è costantemente sotto attacco. Ogni giorno negli ultimi mesi in misura maggiore bersaglio di odio e violenza. I nostri figli dichiarati inesistenti.

Nessuno parla più di omo e trans, abbiamo necessità di urlare le nostre rivendicazioni in piazza e lo facciamo con chiunque voglia lottare ogni giorno per costruire una società migliore.

TAG