Cronaca

Orrore a Rovigo, trovati dei resti umani: potrebbero appartenere ad un 60enne

Orrore in provincia di Rovigo, dove nella giornata di ieri sono affiorati i resti del corpo di un uomo, chiusi dentro sacchi neri

Orrore in provincia di Rovigo, dove nella giornata di ieri sono affiorati i pezzi del corpo di un uomo, chiusi dentro sacchi neri per l’immondizia dopo essere stati gettati nel canale Adigetto, nel Polesine, un corso d’acqua che si stacca dall’Adige e viene usato per l’irrigazione. Secondo il primo responso dell’autopsia sul cadavere, che non è stata ancora completata, vittima sarebbe un uomo di circa 60 anni. L’anatomopatologo, al momento, non si è espresso né sull’etnia, né sulle armi che sarebbero state usate per l’omicidio e per fare a pezzi il corpo.4

Rovigo, trovati resti umani: forse sono di un uomo di 60 anni

Intanto questa mattina, su disposizione della Procura di Rovigo, sono riprese le ricerche da parte dei Carabinieri e dei Vigili del fuoco dei resti mancanti del cadavere. Per ricomporre il corpo manca, in particolare, la gamba destra. Con un gommone i pompieri stanno scandagliando il canale (un corso d’acqua che serve all’irrigazione dei campi) alla ricerca di ulteriori elementi utili alle indagini. L’area interessata dagli accertamenti comprende i comuni di Badia Polesine, Lendinara e Villanova del Ghebbo. Ieri per prima era stata trovata la gamba sinistra, poi in altri sacchi rivenuti nel corso delle ricerche il tronco e la testa, infine in un tratto diverso del canale le due braccia.

Articoli correlati

Back to top button