Cronaca

Rsf, aumentano i giornalisti in carcere nel mondo: 533 sono in carcere

Sono in aumento anche i giornalisti che vengono uccisi e torturati. In un anno è stato registrato un aumento del 13,4%

Secondo l’ultimo rapporto di Reporters sans Frontières, sono in aumento i giornalisti detenuti in carcere e quelli uccisi. Rsf registra un aumento del 13,4 per cento degli arresti in un anno e segnala che 57 reporter sono stati uccisi nel 2022, con un aumento del 18 per cento rispetto al 2021. In aumento del 20 per cento il numero delle giornaliste arrestate nel 2022, 78 quelle ora detenute (mai così tante sottolinea Rsf) pari al 14,6 per cento del totale contro il 7 per cento di cinque anni fa.

In aumento i giornalisti detenuti in carcere

Rsf assegna la maglia nera alla Cina, dove ci sono 110 giornalisti imprigionati, seguita da Myanmar con 62 reporter in carcere, l’Iran con 47, il Vietnam con 39 e la Bielorussia con 31. Più della metà del totale dei giornalisti detenuti si trova in questi 5 Paesi, sottolinea l’ong. Particolare attenzione viene riservata all’Iran, che, come sottolinea Rsf, è “diventato uno dei peggiori carcerieri di giornalisti” a causa della repressione del governo nei confronti di manifestanti e dei media. Per quanto riguarda la Cina, in testa alla classifica, il numero dei detenuti è invece leggermente in calo rispetto all’anno scorso.

La portavoce di Rsf, Pauline Ades-Mevel, ha sottolineato: “Mai prima d’ora Rsf ha registrato un numero così elevato di giornalisti imprigionati”. Ha anche aggiunto: “Ciò conferma che i regimi autoritari continuano a imprigionare i giornalisti che li disturbano in modo sempre più disinibito e il più delle volte senza nemmeno prendersi la briga di giudicarli”. Poco più di un terzo dei giornalisti detenuti è stato condannato, mentre “gli altri (63,6%) sono in carcere senza essere stati giudicati”, aggiunge il rapporto.

Giornalisti uccisi in guerra

Tra i giornalisti uccisi, la guerra in Ucraina è una delle cause dell’aumento delle vittime. Otto sono i reporter che hanno perso la vita mentre seguivano l’aggressione militare russa, mentre la metà dei 57 giornalisti uccisi ha perso la vita in Sud America, undici in Messico. “Quasi l’80% dei professionisti dei media uccisi nel 2022 sono stati deliberatamente presi di mira a causa della loro professione e degli argomenti su cui stavano lavorando” sottolinea ancora Rsf.

La portavoce di Reporters sans frontières ricorda che la criminalità organizzata e la corruzione sono i temi che espongono maggiormente i giornalisti. “Tutte le inchieste sul narcotraffico, la violenza, le bande, ma anche le mafie e le inchieste sugli abusi di potere sono argomenti che possono portare i giornalisti alla morte”, ha aggiunto. Sono inoltre 65 i giornalisti ancora in ostaggio nel mondo. Tra loro c’è il giornalista francese Olivier Dubois, da 20 mesi in mano di un gruppo terroristico affiliato ad al-Qaeda, il Gruppo di sostegno all’Islam e ai musulmani.

Articoli correlati

Back to top button