Cronaca

Russia, portavoce di Navalny: “Sta morendo, questione di giorni”

Dal 31 marzo, l'oppositore del presidente Putin è in sciopero della fame per chiedere un trattamento medico adeguato

Aleksei Navalny rischia un arresto cardiaco “da un momento all’altro”: la sua salute si sta rapidamente deteriorando, avvertono i suoi medici chiedendo accesso immediato al dissidente, il più famoso detenuto della Russia. Dal 31 marzo, l’oppositore del presidente Putin è in sciopero della fame per chiedere un trattamento medico adeguato per il mal di schiena e l’intorpidimento di mani e gambe che lo affliggono in carcere.

Secondo la portavoce “Navalny sta morendo”

Navalny, 44 anni, è stato incarcerato a febbraio e sta scontando due anni e mezzo, per vecchie accuse di appropriazione indebita, in una colonia penale nella città di Pokrov, circa 100 chilometri a est di Mosca.

Il medico personale di Navalny, Anastasia Vasilyeva, e altri tre medici, tra cui il cardiologo Yaroslav Ashikhmin, hanno chiesto ai funzionari della prigione di concedere loro un accesso immediato. “Il nostro paziente può morire in qualsiasi momento”, ha scritto Ashikhmin su Facebook, indicando gli alti livelli di potassio del politico dell’opposizione e dicendo che Navalny dovrebbe essere spostato in terapia intensiva. “L’aritmia fatale può svilupparsi in qualsiasi momento”.

Navalny è sopravvissuto a malapena a un avvelenamento con l’agente nervino Novichok in agosto, per il quale ha accusato il Cremlino. I suoi medici dicono che il suo sciopero della fame potrebbe aver esacerbato le sue condizioni. Avere livelli di potassio nel sangue superiori a 6,0 mmol (millimole) per litro di solito richiede un trattamento immediato. Quelli di Navalny sono a 7,1, hanno detto i medici.

“Questo significa sia una funzione renale compromessa che gravi problemi di ritmo cardiaco possono accadere in qualsiasi momento”, si legge sull’account Twitter della Vasilyeva. I medici hanno detto che deve essere esaminato immediatamente “tenendo conto degli esami del sangue e del suo recente avvelenamento”. 

La portavoce di Navalny, Kira Yarmysh, che lo ha accompagnato quando è collassato su un aereo dopo l’avvelenamento in agosto, ha detto che la situazione è di nuovo critica. “Alexei sta morendo”, afferma su Facebook. “Con le sue condizioni è una questione di giorni”. La portavoce ha aggiunto di sentirsi come se fosse “di nuovo su quell’aereo, solo che questa volta sta atterrando al rallentatore”, sottolineando che l’accesso a Navalny sia limitato e pochi russi sappiano cosa gli accade in prigione.

Più di 70 importanti scrittori, artisti e accademici internazionali, tra cui Jude Law, Vanessa Redgrave e Benedict Cumberbatch, hanno invitato Putin a garantire che Navalny riceva immediatamente un trattamento adeguato. Il loro appello è stato pubblicato ieri sera dal giornale francese Le Monde.

Il team di Navalny ha annunciato in precedenza i piani per mettere in scena quella che hanno detto sarebbe stata “la più grande protesta della Russia moderna”. Gli alleati di Navalny hanno detto che avrebbero fissato una data per la protesta una volta che 500.000 sostenitori si fossero registrati su un sito web. A partire da sabato, più di 440.000 persone si erano iscritte. Yarmysh sabato ha esortato più russi a iscriversi, dicendo che una grande manifestazione potrebbe aiutare a salvare la vita di Navalny. “Putin reagisce solo alle proteste di massa”, ha aggiunto.

All’inizio della settimana, la moglie di Navalny, Yulia, che lo ha visitato nella colonia penale, ha detto che suo marito ora pesa 76 chilogrammi: ha perso 9 chilogrammi dall’inizio dello sciopero della fame.

Articoli correlati

Back to top button