Cronaca

Russia, finito lo scrutinio del referendum: sì a modifiche Costituzione. L’affluenza alle urne è stata quasi del 65%

Si è concluso lo scrutino del referendum costituzionale svoltosi in Russia dal 25 giugno al 1° luglio 2020. Con il 77,92% ha vinto il modifiche della Costituzione, che permetterebbero al presidente russo Vladimir Putin di restare al potere fino al 2036. Ha riferirlo è l’agenzia di stampa russa Sputnik, citando la Commissione Elettorale Centrale (Cec).

Referendum in Russia: vince il sì alle modifiche alla Costituzione

Il popolo russo ha votato a favore delle modifiche agli emendamenti voluti dal presidente Vladimir Putin, che potrebbero permettergli così di correre per altri due periodi di 6 anni consecutivi alla scadenza dell’attuale mandato nel 2024. L’affluenza, secondo il presidente della Cec, Ella Pamfilova, è stata quasi del 65%.

Nella giornata di ieri aveva protestato contro il referendum disegnando con i propri corpi la cifra 2036 sulla Piazza Rossa, mentre il blogger e oppositore del presidente russo Alexei Navalny ha invece parlato apertamente di brogli.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button