Cronaca

Salame Milano a rischio salmonella: scatta il richiamo

Il prodotto in esame viene venduto in forme intere del peso di 350 grammi

Scatta il richiamo per un lotto di salame Milano: il ministero della Salute, sul proprio sito, ha diramato un avviso di richiamo di prodotti alimentari a causa dell’elevato rischio di contaminazione microbiologica da salmonella. Il dicastero ha invitato chiunque sia in possesso di un prodotto proveniente dallo specifico lotto per cui è stato lanciato l’alert a riportarlo al medesimo punto di vendita presso il quale è avvenuto l’acquisto.

Salame Milano a rischio salmonella: scatta il richiamo

Si tratta in questo caso di una partita di salame Milano di puro suino di marchio Il Tagliere del Re, venduta sugli scaffali dei punti vendita Aldi, multinazionale tedesca attiva nel settore della grande distribuzione presente in alcune regioni del centro-nord Italia, tra cui Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna.

Il prodotto in esame viene venduto in forme intere del peso di 350 grammi, e risulta individuabile dal numero di lotto L22D259 e dal termine minimo di conservazione (Tmc) 17/01/2023. Il salame Milano a cui fa riferimento l’alert lanciato dal ministero della Salute è stato prodotto per Aldi Srl dall’azienda E.Ga.Srl (con marchio di identificazione IT32LCE) all’interno stabilimento di via Palmiro Togliatti 8 a Melzo, nella città metropolitana di Milano. Il prodotto alimentare, informa direttamente Aldi, è rimasto in vendita sugli scaffali dei supermercati fino al 17/12/2023, quando la vendita è stata bloccata per l’individuazione di salmonella effettuata a seguito di analisi in autocontrollo condotte dalla medesima catena tedesca di discount.ì

Articoli correlati

Back to top button