Cronaca

Seconda laurea per Sammy Basso, il giovane affetto da progeria è dottore in Molecular Biology

Sammy Basso si è laureato per la seconda volta all'università di Padova. Il giovane affetto da progeria è di nuovo dottore

Sammy Basso si è laureato per la seconda volta. Il giovane vicentino affetto da progeria ha conseguito la laurea magistrale in Molecular Biology discutendo la tesi nel pomeriggio di ieri, mercoledì 24 marzo, concludendo il suo percorso universitario a Padova.

Padova, Sammy Basso si è laureato per la seconda volta

A darne notizia su Facebook l’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso onlus: “È appena terminata la discussione della tesi ‘Crosstalk between Lamin A and Interleukin 6 under stress conditions and in premature ageing’, il nostro Sammy Basso è dottore magistrale in Molecular Biology con voto 107/110!!!”, così in un post accompagnato da una foto del neo dottore sorridente. La seduta di laurea si è svolta in modalità telematica e in diretta streaming sul canale youtube del Dipartimento.

Chi è Sammy Basso

Sammy Basso è un cittadino italiano affetto da progeria che per diffondere le conoscenze sulla propria malattia e per promuovere la ricerca su di essa ha fondato l’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso (A.I.Pro.Sa.B.). Ha anche un nome navajo, ”Chaànaàgahiì”, che significa “Uomo che ha ancora tanta strada da fare”.

Inoltre, ha documentato il suo viaggio negli USA, lungo la Route 66, scrivendo un libro (Il viaggio di Sammy) e registrando una serie di episodi per il canale Nat Geo People di Sky.

Cos’è la progeria, la malattia di Sammy Basso

La progeria (dal greco πρό, “prima” e γέρων, “vecchio, anziano”) o sindrome di Hutchinson-Gilford, è una malattia rara che causa l’invecchiamento precoce anche se non altera la mente, che resta l’unico indice della vera età del malato. Causa nel bambino l’insorgere di malattie tipiche degli anziani, quali la malattia coronarica, e porta l’individuo ad una morte precoce.

I nati con progeria tipicamente hanno un’aspettativa di vita pari a vent’anni. Si tratta di una malattia genetica che si verifica per una mutazione de novo e raramente viene ereditata, infatti i pazienti con queste patologie non vivono tanto da potersi riprodurre.

Anche se il termine progeria viene applicato in senso stretto a tutte le malattie caratterizzate da sintomi di invecchiamento precoce, viene spesso applicata in particolare riferimento a sindrome di Hutchinson-Gilford (HGPS). Gli scienziati sono particolarmente interessati allo studio della progeria perché potrebbe rivelare indizi sul normale processo di invecchiamento.

Articoli correlati

Back to top button