AlmanaccoCuriosità

Le frasi più belle per celebrare San Francesco

San Francesco d'Assisi: le frasi di auguri più belle e profonde. San Francesco nacque ad Assisi l'anno 1182

Quali sono le frasi più belle profonde per fare gli auguri in occasione della giornata di San Francesco d’Assisi, celebrato il 4 ottobre? San Francesco nacque ad Assisi l’anno 1182 da Pietro Bernardone e da madonna Pica, ricchi commercianti. La sua nascita fu circondata da avvenimenti misteriosi: un mendicante, presentatosi a madonna Giovanna Pica, pochi giorni prima della nascita di Francesco, le disse:

“Fra queste mura spunterà presto un sole…”; il giorno stesso della nascita, essendo la madre oltremodo accasciata per i dolori del parto, un altro pellegrino le disse: “Tutto andrà bene, purchè la madre sia condotta nella stalla”, e così avvenne…

San Francesco d’Assisi: le frasi di auguri più belle e profonde

Di seguito una selezione di frasi ed immagini da inviare in occasione della giornata di San Francesco:

  • Cominciate col fare il necessario, poi ciò che è possibile e all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile.
  • Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista.
  • Un solo raggio di sole è sufficiente per cancellare milioni di ombre
  • Riponi la tua fiducia nel Signore
    ed egli avrà cura di te.
  • Concedimi la serenità
    di accettare le cose che non posso cambiare,
    il coraggio per cambiare quelle che posso
    e la saggezza per riconoscerne la differenza.
  • Il Figlio di Dio
    era più nobile di noi,
    eppure per noi si è fatto povero
    in questo mondo.
  • Oh Signore, fa di me uno strumento della tua Pace
    Dove è odio fa che io porti l’Amore,
    dove è offesa, ch’io porti il perdono,
    dove è discordia, ch’io porti la fede,
    dove è l’errore, ch’io porti la Verità,
    dove è la disperazione, ch’io porti la speranza.
    Dove è tristezza, ch’io porti la gioia,
    dove sono le tenebre, ch’io porti la luce.

san-francesco-assisi-frasi-auguri-immagini


  • O Signore fa’ che io
    non cerchi tanto di essere consolato
    quanto di consolare;
    di essere compreso, quanto di comprendere;
    di essere amato, quanto di amare.
    Poiché donando, si riceve;
    perdonando, si è perdonati;
    morendo, si resuscita alla vita eterna.
    Amen
    (Preghiera attribuita a San Francesco)
  • Questa è la nostra vocazione: curare le ferite, fasciare le fratture, richiamare gli smarriti
  • Ciò che mi sembrava amaro, mi fu cambiato in dolcezza d’anima e di corpo.
  • Dio mi ha chiamato per la via dell’umilità
    e mi ha mostrato la via della semplicità.
  • E le gioie semplici sono le più belle, sono quelle che alla fine sono le più grandi.
  • Dove è carità e sapienza,
    ivi non è timore né ignoranza.
  • Chi tratta male un povero fa ingiuria a Cristo, di cui quello porta la nobile divisa, e che per noi si fece povero in questo mondo.
  • Fratello, dobbiamo restituire il mantello a questo poveretto, perché è suo. Noi l’abbiamo avuto in prestito sino a quando non ci capitasse di incontrare uno più povero
  • Se qualcuno ci colpirà su una guancia gli offriremo anche l’altra. Se qualcuno ci porterà via il vestito, gli daremo anche il mantello.
  • Predicate il Vangelo, e se è proprio necessario usate anche le parole.
  • Non appoggiarti all’uomo: deve morire: Non appoggiarti all’albero: deve seccare. Non appoggiarti al muro: deve crollare. Appoggiati a Dio, a Dio soltanto. Lui rimane sempre!
  • Desidero poco e quel poco che desidero, lo desidero poco.
  • Tanto è il bene che mi aspetto che ogni pena m’è diletto.
  • Ave, regina sapienza,
    il signore ti salvi con la tua sorella,
    la santa, pura semplicità.

Il 4 ottobre è San Francesco: frasi su animali, morte e matrimonio

  • La santà umiltà
    confonde la superbia
    e tutti gli uomini che sono nel mondo,
    e similmente tutte le cose
    che sono nel mondo.
  • Tu sei amore e carità,
    Tu sei sapienza,
    Tu sei umiltà,
    Tu sei pazienza,
    Tu sei bellezza,
    Tu sei sicurezza,
    Tu sei quiete.
  • O alto e glorioso Dio,
    illumina le tenebre de lo core mio.
    Et dame fede dricta, speranza certa e carità perfecta,
    senno e cognoscemento, Signore,
    che faccia lo tuo santo e verace comandamento. Amen.
    (Preghiera davanti al crocifisso)
  • Rapisca, ti prego, o Signore,
    l’ardente e dolce forza del tuo amore
    la mente mia da tutte le cose che sono sotto il cielo,
    perché io muoia per amore dell’amor tuo,
    come tu ti sei degnato morire
    per amore dell’amor mio.
    (Preghiera Absorbeat)
  • Beato il servo che accumula nel tesoro del cielo i beni che il Signore gli mostra e non brama dl manifestarli agli uomini con la speranza di averne compenso. Poiché lo stesso Altissimo manifesterà le sue opere a chiunque gli piacerà. Beato il servo che conserva nel suo cuore i segreti del Signore

san-francesco-assisi-frasi-auguri-immagini


  • Donandosi si riceve, dimenticando se stessi ci si ritrova.
  • Non avere paura di dirmi che la morte è vicina, perché essa è per me la porta della vita.
    (Rivolgendosi al suo medico)
  • Fai attenzione a come pensi e a come parli, perché può trasformarsi nella profezia della tua vita.
  • Chiunque darà ai poveri ciò che possiede sarà accolto da noi con grande gioia e amore. Ci vestiremo come i poveri con misere vesti fatte da stracci ma benedette dal buon Dio.
  • Il diavolo fa grande tripudio, quando può togliere la gioia dello spirito al servo di Dio.
  • Io voglio
    frate lupo
    che tu imprometta che tu non
    nocerai mai a nessuna persona umana
    nè animale

san-francesco-assisi-frasi-auguri-immagini


  • Altissimo, Onnipotente Buon Signore, tue sono la lode, la gloria, l’onore ed ogni benedizione.
    A te solo Altissimo, si addicono e nessun uomo è degno di pronunciare il tuo nome.
    Tu sia lodato, mio Signore, insieme a tutte le creature specialmente il fratello sole, il quale è la luce del giorno, e tu attraverso di lui ci illumini.
    Ed esso è bello e raggiante con un grande splendore: simboleggia te, Altissimo.
    Tu sia lodato, o mio Signore, per sorella luna e le stelle: in cielo le hai formate, chiare preziose e belle.
    (Cantico delle creature)
  • Tu sia lodato, mio Signore, per fratello vento,e per l’aria e per il cielo; quello nuvoloso e quello sereno e ogni tempo
    tramite il quale dai sostentamento alle creature.
    Tu sia lodato, mio Signore, per sorella acqua, la quale è molto utile e umile, preziosa e pura.
    Tu sia lodato, mio Signore, per fratello fuoco, attraverso il quale illumini la notte. E’ bello, giocondo, robusto e forte.
    Tu sia lodato, mio Signore, per nostra sorella madre terra, la quale ci dà nutrimento, ci mantiene e produce diversi frutti con fiori colorati ed erba.
    (Cantico delle creature)
  • Tu sia lodato, mio Signore, per quelli che perdonano in nome del tuo amore e sopportano malattie e sofferenze.
    Beati quelli che le sopporteranno in pace, perchè saranno incoronati.
    Tu sia lodato, mio Signore, per la nostra morte corporale, dalla quale nessun uomo vivente può scappare:
    guai a quelli che moriranno mentre sono in situazione di peccato mortale.
    Beati quelli che la troveranno mentre stanno rispettando le tue volontà,
    perché la seconda morte, non farà loro male.
    Lodate e benedicete il mio Signore, ringraziatelo e servitelo con grande umiltà.
    (Cantico delle creature)
  • Nessun frate, in qualunque luogo si trovi, od ovunque si rechi, deve mai prendere o ricevere o far ricevere danaro, né per comperarsi abiti o libri o come compenso di qualsiasi lavoro; anzi in nessun caso, se non per necessità di frati infermi; perché non dobbiamo attribuire al danaro una utilità maggiore che alle pietre.
  • Leggere e rileggere incessantemente il santo Vangelo per avere sempre dinanzi alla mente gli atti, le parole, i pensieri di Gesù, al fine di pensare, parlare, agire come Gesù.
  • E tutte le creature che sono sotto il cielo, ciascuna secondo la sua natura servono, conoscono e obbediscono al loro creatore meglio di te, o uomo.
  • Se io incontrassi un sacerdote ed un Angelo, saluterei prima il sacerdote e poi l’Angelo.
  • Mio padre santo,
    re del cielo e della terra,
    non allontanarti da me,
    perché la tribolazione è vicina
    e non c’è chi mi aiuti.
  • La pace che annunziate con la bocca, abbiatela ancor più copiosa nei vostri cuori. Non provocate nessuno all’ira o allo scandalo, ma tutti siano attirati alla pace, alla bontà, alla concordia dalla vostra mitezza.
  • Tornate dunque, carissimi, a Dio e fate degna penitenza dei vostri peccati, e Iddio vi libererà del lupo nel presente e nel futuro dal fuoco infernale.
  • Quando pregate, dite il Pater noster, oppure: Ti adoriamo, o Cristo, in tutte le tue chiese che sono in tutto il mondo e ti benediciamo, perché per mezzo della tua santa croce hai redento il mondo.
  • Agli occhi di Dio un uomo vale realmente quel che vale, e niente di più.

san-francesco-assisi-frasi-auguri-immagini


  • Tutta l’umanità trepidi, l’universo intero tremi e il cielo esulti, quando sull’altare, nella mano del sacerdote, si rende presente Cristo, il Figlio del Dio vivo.
  • Abbiamo bisogno di riempire l’anima dello spirito del Signore e della sua fortezza.
  • Tutti coloro che videro il Signore Gesù secondo l’umanità, ma non videro né credettero, secondo lo spirito e la divinità, che egli è il vero Figlio di Dio, sono condannati.
  • Beato quel religioso, che non ha giocondità e letizia se non nelle santissime parole e opere del Signore e, mediante queste, conduce gli uomini all’amore di Dio con gaudio e letizia. Guai a quel religioso che si diletta in parole oziose e frivole e con esse conduce gli uomini al riso.
  • Il servo di Dio non deve mostrarsi agli altri triste e rabbuiato, ma sempre sereno. Ai tuoi peccati, riflettici nella tua stanza alla presenza di Dio piangi e gemi. Ma quando ritorni dai frati, lascia la tristezza e conformati agli altri.

La storia di San Francesco d’Assisi

Un altro giorno fu udito par le vie di Assisi un romito che gridava:“Pace e bene, pace e bene!”… il futuro motto di Francesco. La dolce madonna Pica taceva e pregava, pensando: cosa mai sarà di questo fanciullo così prediletto da Dio?  Intanto Francesco cresceva vivace, allegro, amante delle spensierate brigate, delle laute cene, dei suoni e dei canti. Siccome gli affari andavano bene, il padre lo avviò alla mercatura.

Di ingegno vivace, riusciva a meraviglia; combattè anche contro Perugia e sostenne lunga prigionia. La grazia di Dio intanto lavorava. Un giorno gli amici, vedendolo assorto, gli domandarono:“Pensi a prendere moglie?”. “Sì”, rispose Francesco,”e sposerò la donna più bella e più amabile del mondo”… si riferiva a “madonna povertà!”.

Una mattina, è colpito, in una chiesetta di campagna, da un brano del Vangelo, che diceva: “Non tenere né oro né argento né altra moneta; non borse, non sacchi, non due vesti, non scarpe, non bastone”. Si spogliò di tutto, diede quanto aveva in elemosina, e a suo padre che l’aveva citato davanti al Vescovo, diceva rendendogli anche i vestiti:

“Finora ho chiamato Pietro di Bernardone mio padre, d’ora in poi a maggior ragione dirò: Padre mio che sei nei cieli”.

Esce all’aperto e, immediatamente. mette in pratica il consiglio evangelico. Si scalza, s’infila una tunica contadinesca, getta la cintura di cuoio e al suo posto s’annoda sui fianchi una corda. (La cintura di cuoio era nel medioevo la parte più importante dell’abito, tanto importante che Dante. quando vorrà lodare la rude semplicità dei vecchi fiorentini, li dirà “cinti di cuoio e d’osso”).

Da quel giorno l’eroismo di Francesco non ebbe più limiti: i poveri, i lebbrosi, gli ammalati di ogni specie furono la sua parte életta. Fu trattato da pazzo, percosso, vilipeso, maledetto, ed egli ricambiava tutto con preghiere, carità, amore. Ai suoi seguaci, che volle chiamare “Frati Minori“, insegnava il lavoro, l’elemosina, la preghiera e la povertà più assoluta.

Dove passò portò la benedizione di Dio: la pace fra le fazioni e l’amore fra i nemici: convertì peccatori, salvò miserabili, protesse oppressi. I tre voti francescani, obbedienza, povertà e castità, non erano pesi che il figlio di Pietro Bernardone prendeva sulle sue grame spalle e che imponeva ai compagni d’avventura.

Al contrario, quei voti rendevano lui e i suoi seguaci più presti e leggeri. L’obbedienza scioglieva da ogni dubbio; la povertà liberava da ogni cupidigia; la castità sollevava da ogni impegno carnale. I vizi contrari a quei voti, cioè la superbia, l’avarizia e la lussuria, erano tre mostruose fibbie, che imbrigliavano l’uomo mondano.

Benedetto dal Papa, estese ovunque ed a tutti la sua opera: istituì le Clarisse; fondò e diffuse il Terz’Ordine; andò fra i Turchi: mandò apostoli dappertutto a portare “pace e bene”. Alla Verna, Dio impresse sul suo servo fedele il segno del suo amore: le sacre stimmate.

Compose laudi in onore del suo Dio perché esclamava: “L’amore non è amato, l’amore non è amato!”. Morì, benedicendo i suoi figliuoli e la sua cara città di Assisi, il 4 ottobre 1226. Fu chiamato il più santo degli Italiani, e il più Italiano dei santi; assieme a Santa Caterina da Siena è il grande protettore della nostra amata patria.

Pratica, preghiera e martirologio romano

Ad onore di S. Francesco facciamo oggi una mortificazione ed una elemosina.

O Dio, che per i meriti di S. Francesco accrescesti la tua Chiesa di una nuova famiglia, concedici di disprezzare a suo esempio le cose terrene, e di poter partecipare alla gioia dei doni celesti.

Ad Assisi, in Umbria, il natale di San Francésco, Levita e Confessore. Fondatore di tre Ordini, cioè dei Frati Minori, delle Povere Donne, e dei Fratelli e delle Sorelle della Penitenza. La sua vita, piena di santità e di miracoli, fu scritta da san Bonaventura.

San Francesco e il Natale

La natura fantastica del “giullare di Dio” e insieme la sua intuizione didattica si manifestarono specialmente nella più poetica rappresentazione ideata in un bosco, cioè nel Presepio di Greccio.

Per Francesco il Natale era la festa delle feste, appunto perché Dio stesso, con la sua adorabile incarnazione, scendeva in terra, e si faceva fratello degli uomini. Frate, non monaco. L’eterno entrava nel tempo; l’immobile diventava viandante. Dal Natale in poi, tutte le strade sarebbero state come quella d’Emmaus.

Il santo dell’umiltà si commuoveva all’idea dell’infinita umiliazione di Dio che si fa uomo. Il santo della povertà piangeva al pensiero dell’estrema indigenza di Gesù, nato in una stalla. E finalmente, il santo della perfetta letizia si rallegrava al ricordo dell’Alleluia celeste.

Il Natale era dunque la festa più francescana dell’anno liturgico. Vi si celebrava l’umiltà, la povertà e l’innocenza. I tre voti francescani brillavano, con meraviglioso fulgore, nel cielo natalizio.

“Se io potessi parlare all’imperatore”, diceva Francesco, “vorrei pregarlo di emanare un comando generale, perché tutti coloro che lo possono, spargano per le vie frumento e granaglie nel giorno di Natale, sicché in quel giorno di tanta solennità gli uccelli abbiano cibo in abbondanza”. Anche questo sarebbe stato un modo di rendere evidente la gioia natalizia, comunicandola, attraverso il cibo, anche agli abitanti dell’aria.

Un anno, il Natale cadeva di venerdì e fra’ Monco, il cuciniere, fu in dubbio se fare, in quel giorno, di grasso o di magro. “Faresti peccato, o fratello”, gli gridò Francesco, “chiamando venerdì il giorno in cui è nato Gesù. Vorrei che in un giorno come questo mangiassero carne anche le pareti e, non potendo, ne fossero almeno unte di fuori!” Soltanto la fantasia d’un uomo sobrio e continente come lui poteva immaginare qualcosa di simile.

Nell’inverno del 1223 ebbe finalmente l’idea della prima sacra rappresentazione. Mandò a chiamare il signore di Greccio, Giovanni Velita, e gli disse:

“È mio pensiero rievocare al vivo la memoria di quel Bambino celeste che è nato laggiù in Betlem, e suscitare davanti al suo sguardo e al mio cuore gl’incomodi delle sue infantili necessità: vederlo proprio giacere su poca paglia, reclinato in un presepio, riscaldato dal fiato di un bue e di un asinello”.

Così, la notte di Natale del 1223, nel bosco di Greccio, avvenne la prima rappresentazione natalizia inventata da San Francesco: il Presepio.

Un sacerdote celebrò la Messa di mezzanotte sopra una mangiatoia. San Francesco, non essendo sacerdote, ma soltanto diacono, cantò il Vangelo della Nascita, e lo spiegò al popolo, accorso nel bosco di Greccio con fiaccole accese.

Chiamava Gesù “il bambino di Betlem“, e nel pronunziare queste parole, narra il suo primo biografo, sembrava una pecora che belasse “talmente la sua bocca era ripiena, non tanto di voce, quanto di dolce affetto. E nominando il Bambino di Betlem, oppure dicendo Gesù, lambivasi con la lingua le labbra, quasi a gustare e deglutire la dolcezza di quel nome.”

San Francesco e gli animali

San Francesco chiamava gli animali “i nostri fratelli più piccoli”. Per loro aveva le attenzioni più delicate. Voleva scrivere a Federico II perché con un editto stabilisse che a Natale le strade fossero cosparse di granaglie e di grano per gli uccelli: anch’essi dovevano gioire per la nascita del Redentore. Perché non fossero calpestati, scansava dai sentieri i vermi. A Sant’Angelo in Pantanelli, presso Orvieto, viene mostrato tuttora uno scoglio sul Tevere, dal quale avrebbe gettato nel fiume dei pesci che gli erano stati regalati.

Un giorno S.Francesco andò alla elemosina assieme a frate Massèo e i due si imbatterono in un uomo che portava al mercato due agnelli da vendere, legati, belanti e penzolanti dalla spalle.

All’udire quei belati, il servo di Dio, vivamente commosso, si accostò, accarezzandoli, come suol fare una madre con i figlioletti che piangono, con tanta compassione e disse al padrone:

“Perché tormenti i miei fratelli agnelli, tenendoli così legati e penzolanti?”.

Rispose: “Li porto al mercato e li vendo: ho bisogno di denaro”.

E Francesco: “Che ne avverrà?”.

E quello: “I compratori li uccideranno e li mangeranno”.

Nell’udire questo il santo esclamò: “Non sia mai! Prendi come compenso il mio mantello e dammi gli agnelli”.

Quell’uomo fu ben felice di un simile baratto, perché il mantello, che Francesco aveva ricevuto a prestito da un uomo proprio quel giorno per ripararsi dal freddo, valeva molto di più delle bestiole. Infatti ogni creatura dice:

“Dio mi ha creato per te, o uomo! Noi che siamo vissuti con lui, lo vedevamo rallegrarsi interiormente ed esteriormente di quasi tutte le creature, così che, toccandole o mirandole, il suo spirito sembrava essere in cielo, non in terra. E per le grandi gioie che aveva ricevuto e riceveva dalle creature, egli compose, poco prima della sua morte, alcune Lodi del Signore per le sue creature, per incitare alla lode di Dio i cuori di coloro che le udissero, e così il Signore fosse lodato dagli uomini nelle sue creature”.

Dai “Fioretti” di San Francesco

Come Santo Francesco convertì tre ladroni micidiali, e fecionsi frati; e della nobilissima visione che vide l’uno di loro,il quale fu santissimo frate.

Santo Francesco andò una volta per lo distretto del Borgo a Santo Sipolcro, e passando per uno castello che si chiama Monte Casale, venne a lui uno giovane nobile e molto dilicato, e dissegli:

“Padre, io vorrei molto volentieri essere de’ vostri frati”.

Rispose Santo Francesco: “Figliuolo, tu se’ giovane, dilicato e nobile: forse che tu non potresti sostenere la povertà e l’asprezza nostra”.

Ed egli: “Padre, non sete voi uomini come io? dunque, come la sostenete voi, così potrò io colla grazia di Cristo”.

Piacque molto a Santo Francesco quella risposta; di che benedicendolo, immantinente lo ricevette all’ordine e puosegli nome frate Agnolo. E portassi questo giovane sì graziosamente che ivi a poco tempo santo Francesco il fece guardiano nel luogo detto di Monte Casale.

Testamento di San Francesco (1226)

Il Signore dette a me, frate Francesco, d’incominciare a fare penitenza cosi: quando ero nei peccati, mi sembrava cosa troppo amara vedere i lebbrosi; e il Signore stesso mi condusse tra loro e usai con essi misericordia. E allontanandomi da essi, ciò che mi sembrava amaro mi fu cambiato in dolcezza d’animo e di corpo. E di poi, stetti un poco e uscii dal mondo.

Preghiera semplice

Oh! Signore, fa di me uno strumento della tua pace:

dove è odio, fa ch’io porti amore,
dove è offesa, ch’io porti il perdono,
dove è discordia, ch’io porti la fede,
dove è l’errore, ch’io porti la Verità,
dove è la disperazione, ch’io porti la speranza.

Dove è tristezza, ch’io porti la gioia,
dove sono le tenebre, ch’io porti la luce.

Oh! Maestro, fa che io non cerchi tanto:
Ad essere compreso, quanto a comprendere.
Ad essere amato, quanto ad amare
Poichè:

Sì è: Dando, che si riceve:
Perdonando che si è perdonati;
Morendo che si risuscita a Vita Eterna.

Amen.

Benedizione a Frate Leone

Il Signore ti benedica e ti custodisca.Mostri a te il suo volto e abbia misericordia di te.Volga a te il suo sguardo e ti dia pace.Il Signore ti dia la sua grande benedizione.Benedicat tibi Dominus et custodiat te,
ostendat faciem suam tibi et misereatur
tui convertat vultum suum ad te
et det tibi pacem
Dominus benedicat frater Leo, te
Benedicat, benedicat,
benedicat tibi Dominus
et custodiat te Frater Leo, te

Fratello Sole e Sorella Luna

Dolce è sentire
Come nel mio cuore
Ora umilmente
Sta nascendo amore
Dolce è capire
Che non son più solo
Ma che son parte di una immensa vita
Che generosa
Risplende intorno a me
Dono di Lui
Del Suo immenso amore
Ci ha dato il Cielo
E le chiare Stelle
Fratello Sole
E Sorella Luna
La Madre Terra
Con Frutti, Prati e Fiori
Il Fuoco, il Vento
L’Aria e l’Acqua pura
Fonte di Vita
Per le Sue Creature
Dono di Lui
Del suo immenso amore
Dono di Lui
Del suo immenso amore

 

Mostra di più

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio