GossipSanremo 2023

Sanremo 2023, la canzone di Gianluca Grignani: chi è il padre?

Gianluca Grignani porta a Sanremo 2023 una canzone molto intima e particolare: chi è il padre a cui dedica il suo brano? Si intitola Quando ti manca il fiato ed è un modo per “Perdonare se stesso e suo padre”, come lui stesso sostiene.

Sanremo 2023, la canzone di Grignani: chi è il padre?

Si chiama Paolo Grignani. Lo stesso Gianluca Grignani ha raccontato di aver avuto un rapporto non del tutto pacifico. Eppure il cantautore, che è stato capace di scrivere la storia della musica italiana degli anni Novanta, dedica il brano Quando ti manca il fiato, proprio al suo papà.

L’uomo ha sposato Elba, la mamma di Gianluca. Sappiamo che ha sempre vissuto con lei a Milano, conducendo una vita lontana dai riflettori. Il cantautore ha sempre raccontato in pubblico di aver avuto col padre un rapporto contorto. Gianluca ricorda che per lui il genitore, quando era bambino, era quasi uno sconosciuto.

Lo ha sempre visto lontano da lui e dalla sua intera famiglia. Qualche tempo fa a Domenica In aveva dichiarato: “Non perdonerò mai perché agli errori si ripara. Lui ai suoi non ha mai riparato, questo ai figli non si fa. Ci ho messo 44 anni a capirlo, a elaborare quel vuoto d’amore“.

Il lavoro di Paolo Grignani

Paolo Grignani sembra che di professione fosse un commerciante di articoli per fotografi. Proprio per questo motivo, pare che fosse spesso fuori casa per lavoro. Il cantautore di Sanremo 2023, durante un’intervista a La Stampa, ha raccontato:

Mio papà era spesso in giro per lavoro, stava pochissimo a Milano, e passai i primi anni della mia vita senza praticamente conoscerlo. Non lo vedevo mai. Poi all’improvviso decise di portarmi con sé in una trasferta a Torino, dove di fatto nacque il nostro rapporto. Mi portava in giro per la città, nei giardini, lungo i viali; ci incontrammo per la prima volta lì, in un certo senso“.

Le parole del cantautore: oggi pronto a perdonare il padre

Il rapporto con suo padre è ciò che lo ha spinto a creare il brano, “ma dentro ci sono anche io come figlio e come genitore. Il perdono è il leit motiv per lui e per me. Ho chiesto perdono tante volte, ma non ho mai commesso azioni così gravi da doverlo chiedere più di due volte per la stessa cosa. Ed è anche un pezzo esistenziale: quando ti accorgi che la vita ti può deludere e ti toglie il fiato. Nessuna morale, però, solo una reazione a quello che si prova”.

La prima volta che gli è mancato il fiato, Grignani la ricorda bene: “avevo 5 o 6 anni e mi resi conto che la vita poteva finire. Ma ogni giorno mi manca il fiato”. “La felicità è una chimera che sfugge continuamente, “ma non sarei contento di esserlo sempre”. Poi, dichiara di sentirsi diverso “giusto così, non si cambia per gli altri. La solitudine l’ho cercata, ma se sono ancora qua lo devo alla coerenza della ‘massa’”. Lui, da genitore di quattro figli, si definisce un “padre spirito”. “Quando hanno bisogno sanno che sono qui, in collina a pochi km da loro. Non devo farli sentire in obbligo, far loro pesare che esisto”. Intanto, ricordiamo che le serate di Sanremo saranno presenti anche su RaiPlay.

Articoli correlati

Back to top button