Scuola, effetto Quota 100, in un anno via 35mila professori

Personale-Ata-scuola

Quota 100, già in piena azione nel privato, comincia a far sentire i suoi effetti anche a scuola . In un anno via 35mila professori

Quota 100, già in piena azione nel privato, comincia a far sentire i suoi effetti anche a scuola. In un anno via oltre 35mila professori. Anche se le uscite, che partono proprio ad agosto, sono molto inferiori alle aspettative del governo.

Effetto Quota 100 a scuola: in 12 mesi via 35mila prof

I primi dati elaborati dall’Inps indicano che ben 8 dipendenti su 10 che vanno in pensione in questo mese con almeno 62 anni di età e 38 di contributi provengono dagli enti locali e dalla sanità. Nel dettaglio, da Regioni, Comuni e Province arriva infatti il 55,1% delle domande di pensionamento attraverso il meccanismo che cumula età e contributi, con un totale di 5.694 domande su 10.336 del settore pubblico.

Segue, appunto, la sanità con 2.344 (il 22,7%), soprattutto nel settore dei paramedici, amministrativi e tecnici. Ancor più nello specifico del settore sanità, si contano 321 domande provenienti da medici e veterinari e 2.023 da paramedici, amministrativi e tecnici.

E ancora, sono 1.612 quelle che fanno riferimenti al personale civile di ministeri e agenzie fiscali. Gli altri comparti ne contano per ora solo alcune decine: 211 per gli enti di previdenza, 50 per le autorità indipendenti, altri 50 per università e accademie, 48 per enti e istituzioni di ricerca come Istat o Cnr. Sotto la voce altre amministrazioni se ne registrano invece 327.

Al momento le uscite non sembrano creare problemi di organico, ma a settembre sarà la volta della scuola, il comparto più popoloso della Pa.

E qui circa 13 mila esodi tra i docenti rischiano di risultare pesanti. Uscite con quota 100 a cui si devono aggiungere quelle ordinarie (cioè con la Fornero) che superano le 15 mila solo per i docenti, 19 mila complessivamente considerando tutto il personale scolastico. Senza contare che nel 2020, soltanto per il turnover regolare, andranno in quiescenza altri 21 mila insegnanti.
Proprio per rimpiazzare le uscite il cosiddetto Decreto concretezza ha previsto la possibilità di accelerare le assunzioni. Ovviamente anche per la scuola dove, come noto, un prof su 5 è precario. Nel decreto sempre l’esecutivo ha stabilito di mantenere le piante organiche con nuovi concorsi (da finanziare con le risorse aggiuntive al fondo sanitario nazionale, che potrebbero saltare in caso di spending review).

 

TAG