Cronaca

Siria, 36 civili uccisi dall’Isis nella zona di Palmira

Sono 36 i civili uccisi in un attacco attribuito all’Isis nella Siria centrale. È quanto ha reso noto l’Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH).

Siria, 36 civili uccisi dall’Isis

L’organizzazione non governativa, di base a Londra, ha fatto sapere che il gruppo jihadista “ha ucciso oggi 36 persone che raccoglievano tartufi a Sokhne, nella regione di Palmira, nelle campagne vicino a Homs”.

Altri raccoglitori sono riusciti a fuggire, ha aggiunto l’Osdh, che aveva annunciato un bilancio iniziale di 30 civili uccisi.

Il precedente attacco

Pochi giorni fa, sabato scorso, c’è stato un attacco simile nella stessa regione in cui sono state uccise 16 persone. Anche in questo caso, le vittime stavano raccogliendo tartufi, ha precisato la stessa Ong, aggiungendo che in quell’occasione erano anche state rapite una sessantina di persone, 25 delle quali sono state poi rilasciate oggi, mentre il destino degli altri rimane ancora sconosciuto.

Secondo l’Osdh, l’Isis approfitta del fatto che gli abitanti delle zone rurali remote si avventurano a raccogliere tartufi per attaccarli. Negli ultimi mesi, l’Isis ha intensificato gli attacchi, nonostante la perdita delle sue roccaforti in Siria e i colpi che gli ha inferto la coalizione internazionale anti-jihadista guidata dagli Stati Uniti.

Quattro soldati americani sono rimasti feriti in un raid contro l’Isis in Siria. Lo riferisce il Pentagono.

I quattro militari americani sono rimasti feriti in un’esplosione durante un raid nel quale è stato ucciso uno dei leader dell’Isis, Hamza al-Homsi. “La scorsa notte, durante un’operazione congiunta con le Forze democratiche siriane sono rimasti feriti quattro soldati Usa e un cane di servizio”, si legge in un comunicato del Comando centrale Centcom. 

Articoli correlati

Back to top button