Scienza e Tecnologia

Sostenibilità: l’importanza di investire nell’energia pulita

Le fonti rinnovabili non solo aiutano l’ambiente, riducendo le emissioni di gas ad effetto serra che causano il riscaldamento globale e il cambiamento climatico, ma possono rivelarsi un ottimo investimento orientato a un futuro più sostenibile

Oggi la transizione energetica è diventata una priorità per governi, imprese e cittadini, rendendo sempre più evidente l’urgenza di investire nell’energia pulita.

Le fonti rinnovabili non solo aiutano l’ambiente, riducendo le emissioni di gas ad effetto serra che causano il riscaldamento globale e il cambiamento climatico, ma possono rivelarsi un ottimo investimento orientato a un futuro più sostenibile.

In Italia le fonti di energia a basso impatto ambientale sono cresciute in modo significativo negli ultimi anni, grazie a una sinergia pubblico/privato e alla maggiore sensibilizzazione dei consumatori sulla convenienza e l’importanza di passare dai combustibili fossili alle energie pulite.

In questo contesto assume un ruolo sempre più centrale anche il mercato libero, dove fornitori di riferimento come Pulsee stanno contribuendo a favorire la diffusione di energia sostenibile in ambito domestico grazie a offerte luce con forniture prodotte da fonti 100% rinnovabili.

I reali vantaggi delle energie rinnovabili e sostenibili

Se il vantaggio principale legato all’uso di energia pulita è il minore impatto sull’ambiente, è importante valutare questo cambiamento in un modo più ampio e profondo.

Scegliere di utilizzare energia da fonti rinnovabili per la quotidianità implica una serie di effetti a livello socio-economico, conseguenze che vengono tenute in conto dai decisori politici nel momento di definire le strategie da implementare per la crescita e lo sviluppo del paese.

Innanzitutto, investire nelle rinnovabili promuove l’innovazione tecnologica, spingendo le aziende a sviluppare nuovi servizi e prodotti a basso impatto ambientale, come tutte quelle tecnologie per l’efficienza energetica e l’impiego domestico delle energie pulite: dalle moderne pompe di calore per il riscaldamento e il raffrescamento ai sistemi avanzati di termoregolazione, passando per le tegole fotovoltaiche e il mini eolico residenziale.

Questo processo favorisce la creazione di nuove opportunità imprenditoriali e lavorative, tra cui l’aumento dei cosiddetti green jobs, i lavori altamente qualificati legati all’economia verde.

Un altro beneficio è legato al maggiore impegno delle aziende nella riduzione delle emissioni inquinanti, per dimostrare ai consumatori come l’impresa sia attenta alla questione ambientale, innescando un movimento continuo ed esponenziale di comportamenti positivi per il pianeta e la società.

Bisogna tenere conto anche del maggiore benessere della collettività, in quanto l’energia pulita migliora la qualità dell’aria e preservando le risorse naturali della biosistemi della biosfera, con ricadute positive sulla salute e la qualità di vita.

Nel lungo termine le rinnovabili offrono anche vantaggi economici per i cittadini, poiché con la riduzione dei costi di produzione e lo sviluppo delle nuove tecnologie green le energie sostenibili hanno un prezzo sempre più basso e competitivo rispetto alle fonti fossili.

Allo stesso modo, molte famiglie stanno diventando anche prosumer grazie alle rinnovabili, ovvero dei consumatori e produttori di energia, un cambiamento epocale che sta portando alla nascita delle comunità energetiche rinnovabili e il passaggio da un sistema energetico centralizzato a un modello decentralizzato.

La transizione energetica è essenziale per l’elettrificazione verde

 

Per diminuire l’inquinamento atmosferico e ambientale dovuto ai combustibili fossili è stato avviato un processo globale di elettrificazione verde, ovvero il passaggio dall’uso del gas naturale all’utilizzo quasi esclusivo dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili.

Questo processo consente di diminuire e infine eliminare le fonti fossili come il petrolio, il carbone e il gas, con l’obiettivo di coprire l’intero fabbisogno energetico con energia pulita come l’eolico, il solare fotovoltaico e l’idroelettrico.

Basti pensare alla mobilità elettrica, con la transizione dalle automobili endotermiche a benzina e diesel verso le macchine elettriche a zero emissioni, oppure la sostituzione della caldaia a gas con la pompa di calore o i termosifoni con il ventilconvettori elettrici.

Tutto ciò richiede una quantità di energia elettrica sempre più elevata, una domanda che per garantire la massima sostenibilità ambientale deve essere soddisfatta con le energie rinnovabili, rendendo l’elettrificazione verde un volano per la creazione di una società climaticamente neutra a zero emissioni nette di carbonio.

Naturalmente, il cammino è ancora molto lungo, con tante sfide che devono essere affrontate per risolvere gli attuali problemi del nostro modello socioeconomico.

Tuttavia, per accelerare questo processo è indispensabile la partecipazione di tutti e una maggiore attenzione nei confronti dell’importanza delle energie verdi, senza trascurare il ruolo determinate dei piccoli gesti compiuti nella quotidianità, i quali consentono di aumentare la pressione sui decisori politici e le aziende affinché la transizione verso un’economia sostenibile rimanga al centro delle strategie pubbliche e private.

Articoli correlati

Back to top button