Curiosità

Spazi abitativi: facciamo il punto sul successo delle case in legno

Il mercato delle case in legno continua a crescere da diversi anni in Italia, un successo legato ai numerosi vantaggi offerti da questo tipo di soluzioni abitative

Il mercato delle case in legno continua a crescere da diversi anni in Italia, un successo legato ai numerosi vantaggi offerti da questo tipo di soluzioni abitative.

Secondo il 6° Rapporto Edilizia in Legno del Centro Studi FederlegnoArredo, nel 2020 il settore ha fatto registrare un aumento del 3% nonostante la crisi sanitaria con oltre 3 mila realizzazioni l’anno, con un trend positivo anche nel 2021.

In particolare, è in forte crescita il comparto della bioedilizia, un mercato sempre più consolidato nel nostro Paese con una quota in costante aumento. Attualmente l’Italia si posiziona al quarto posto in Europa per la produzione di progetti edilizi in legno, distinguendosi per la qualità costruttiva, le competenze artigianali e il design delle strutture abitative in legno Made in Italy.

Perché acquistare un’abitazione in legno per viverci?

Un’abitazione di legno di qualità è in grado di garantire numerosi benefici, mettendo a disposizione un alto comfort abitativo e offrendo la possibilità di vivere in modo più rispettoso dell’ambiente.

Ovviamente, è importante rivolgersi a produttori seri e affidabili, in grado di realizzare progetti su misura adatti a ogni esigenza e proporre un’ampia gamma di soluzioni abitative per chi desidera vivere in una struttura in legno.

In Italia un esempio di eccellenza è rappresentato dalle case in legno realizzate da Caleba, azienda specializzata nelle costruzioni in bioedilizia con oltre 1000 progetti all’attivo.

Sul sito web è possibile trovare un vasto catalogo di abitazioni in legno sostenibile certificato FSC, oppure richiedere un progetto completamente personalizzato, usufruendo di un ottimo rapporto qualità-prezzo e di una consegna veloce in appena 3 mesi.

Vivere in una casa in legno permette quindi di scegliere un’abitazione ecologica, realizzata con materiali naturali con un basso impatto ambientale, inoltre queste strutture vantano un prezzo più basso in confronto a un immobile tradizionale. Anche le tempistiche sono particolarmente rapide, beneficiando di un’abitazione che può essere installata ovunque offrendo la massima versatilità a chi sceglie questa soluzione abitativa.

Bisogna considerare anche un elevato benessere termico e acustico, ottenuto grazie alle proprietà del legno e allo spessore delle pareti, oltre all’utilizzo di appositi materiali isolanti che consentono di ottimizzare la coibentazione della casa in legno. Ciò si traduce in minori costi di mantenimento e bollette meno care, per risparmiare sull’energia elettrica e il gas riscaldando e raffrescando l’abitazione in modo più economico e sostenibile.

I permessi necessari per installare una casa in legno

 

Anche per le case in legno servono i permessi, come avviene per qualsiasi tipo di costruzione edilizia a scopo abitativo, che si tratti di una prima abitazione o di una seconda casa per le vacanze.

Ad ogni modo, prima di realizzare il progetto è necessario informarsi bene sulle leggi locali, in quanto ogni regione e comune prevede delle normative specifiche che possono cambiare in modo significativo tra un’amministrazione pubblica locale e l’altra.

Il montaggio di una casa in legno può avvenire soltanto su un terreno edificabile, quindi non è possibile installare l’abitazione in legno in un terreno agricolo o sprovvisto della licenza edilizia. Bisogna anche rispettare tutti i vincoli ambientali o paesaggistici durante la progettazione dell’immobile in legno, informandosi con attenzione presso l’ufficio tecnico del proprio comune di riferimento, ricordandosi che prima di iniziare i lavori serve la concessione edilizia.

In queste circostanze l’opzione migliore è affidarsi a una ditta specializzata in grado di adempiere a tutte le pratiche burocratiche, per evitare errori ed essere sicuri di realizzare una casa in legno perfettamente a norma. Un professionista abilitato potrà offrire un supporto completo nella gestione del progetto di bioedilizia, aiutando anche nella preparazione della documentazione necessaria da presentare presso l’ufficio comunale preposto.

Una volta a posto con i permessi i tempi di realizzazione sono in genere abbastanza brevi, tuttavia dipendono sempre dal tipo di progetto. Per velocizzare l’opera è consigliabile avere subito le idee chiare sul tipo di abitazione in legno da costruire, per agevolare la fase di progettazione e passare quanto prima alla produzione dei componenti. Dopodiché, alla consegna dei materiali il montaggio richiede in media una decina di giorni per il completamento della casa in legno.

Articoli correlati

Back to top button