Politica

Lo “strappo” di Bossi, nella Lega nasce il Comitato Nord: “Necessario per riconquistare gli elettori”

Le adesioni al progetto del Senatur sono già aperte in Lombardia e Veneto

Umberto Bossi arriva ad un punto di rottura con la Lega e nasce il Comitato Nord. Si aperta una frattura nella Lega, per “riconquistare gli elettori”.

Lo “strappo” di Bossi, nella Lega nasce il Comitato Nord

Nasce la corrente “nordista” della Lega, a battezzarla è Umberto Bossi. Una vera corrente che agirà dentro il partito ma che ha anche il sapore di uno “strappo” dalla leadership di Matteo Salvini, si ragiona in alcuni ambienti leghisti che confermano l’iniziativa. La corrente ha già un nome: ‘comitato del Nord’. E le adesioni sono già aperte in Lombardia e Veneto.

È un passaggio vitale – ha spiegato Bossi – finalizzato esclusivamente a riconquistare gli elettori del Nord, visto il risultato elettorale del 25 settembre per rilanciare la spinta autonomista“.

Nel Comitato Nord sono invitati ad aderire, tutti gli iscritti alla ‘Lega per Salvini premier’, come sottolinea lo stesso Bossi, “che vogliono impegnarsi con rinnovato entusiasmo alla conquista degli obiettivi che sono stati alla base della fondazione della Lega nel marzo 1984. Il progetto sarebbe già in fase avanzata, poiché sono state poste le basi per la struttura organizzativa del Comitato“. Con il ‘Comitato Nord’, di fatto, Umberto Bossi torna in campo energicamente per la Lega e per l’autonomia, fanno sapere fonti vicine al Senatur.

Bossi: “Faccio valere le ragioni del Nord”

Quello che sto facendo è in linea con ciò che ho fatto tutta la vita: far valere le ragioni del Nord. Ribadisco che ‘Comitato Nord’ è un comitato interno alla ‘Lega per Salvini premier’“. E’ quanto sottolinea con l’AdnKronos Umberto Bossi, facendo chiarezza sulla iniziativa lanciata il primo ottobre. Nel Comitato “non sono coinvolti nomi – dice ancora il fondatore della Lega Nord – che non fanno parte del partito e alla base c’è il rispetto della militanza”.

Le persone alle quali do mandato per l’organizzazione – dichiara Bossi – sono l’europarlamentare Angelo Ciocca con il compito di tenere i rapporti con i militanti e le istituzioni europee e Paolo Grimoldi per gestire le relazioni regionali. Ho scelto i due esponenti della Lega per aiutarmi nel progetto poiché il comitato è interno alla ‘Lega Salvini premier’“.

Il vessillo è quello che ha fatto grande gli ideali della Lega: l’autonomia per il Nord. Il fazzoletto e la cravatta verdi sono i nostri simboli di libertà“, conclude il Senatur.

Articoli correlati

Back to top button