Guerra

Adesione di Svezia e Finlandia nella Nato, ira della Tv russa: “‘Finirà male”

Il Cremlino usa i media del Paese per "comunicare" le proprie opinioni al mondo. Ecco il motivo della sua posizione ostile

Adesione di Svezia e Finlandia nella Nato, ira della Tv russa. A riportare uno stralcio del discorso del conduttore Dmitry Kiselyov è IlGiornale.it.

La Nato sta per avere nuovi membri: Svezia e Finlandia

Svezia e Finlandia stanno formalizzando la loro intenzione di entrare a far parte dell’Alleanza Nato. Dopo l’aggressione dell’Ucraina, i due Paesi hanno avuto timori di subire la stessa sorte. In Russia, il Cremlino fa sapere la sua opinione attraverso i media, sui quali esercita influenza. Il discorso del conduttore Dmitry Kiselyov di Russia I è emblematico.

Le parole del conduttore

“L’esperienza non ha insegnato nulla alla Nato. Ora stanno trascinando la Svezia neutrale e la Finlandia nel loro blocco. è l’ennesimo caso di espansione verso est, che richiederà una reazione adeguata dalla Russia. Fino a ora, la neutralità di 200 anni della Svezia e la neutralità del Dopoguerra della Finlandia sono state una componente importante della sicurezza europea. Ma ora Stoccolma e Helsinki stanno facendo domanda per l’adesione alla Nato. Il motivo ufficiale è la paura. In realtà, avranno più paura nella Nato”.

Il significato del messaggio

Il conduttore si riferisce ad un fatto logico. La Russia ha attaccato l’Ucraina proprio perché temeva il suo ingresso nella Nato, percependo ciò come una minaccia. Non a caso nel 1962 anche gli Usa temettero Cuba, isola loro confinante, in quanto avvicinatasi all’Urss, tanto da avviare un blocco navale.

Pertanto da anni Mosca sconsiglia di allargare ad Est il blocco dei Paesi membri. Adesso tale operazione illogica sta proseguendo con nuovi ingressi, sempre lungo i confini russi.

Articoli correlati

Back to top button