Cronaca

Ancora guai per Adriani Panzironi: dovrà pagare una multa da 264mila euro

Il Tar conferma la multa da 264mila ad Adriano Panzironi. La dieta "inventata" da Panzironi è stata giudicata nociva per la salute

Nuovi guai per Adriano Panzironi: anche il Tar ha “bocciato” la dieta di “Life 120” proposta dall’imprenditore romano. In particolar modo, Panzironi è diventato noto per aver inventato un nuovo regime alimentare che allungherebbe la vita, tramite l’eliminazione quasi totale dei carboidrati dalla dieta, ricca invece di cereali e proteine animali.

Il ricorso non è bastato: i giudici del Tar hanno confermato la multa arrivata nel 2019 da parte di Agcom, che obbligava la rete a pagare 264mila euro.

Il Tar conferma la multa ad Adriano Panzironi

La dieta “inventata” da Panzironi è stata giudicata nociva per la salute. In particolar modo, il regime alimentare proposto criticava fortemente la dieta mediterranea a vantaggio dell’uso di integratori prodotti dallo stesso sedicente medico da associare a latticini, frutta, spezie e altri integratori con aminoacidi, vitamine e Omega 3. Vietati totalmente i carboidrati: addio a pane, pasta e pizza per allungare la vita, secondo Panzironi.

Agcom ferma per 6 mesi i programmi di Adriano Panzironi

L’Agcom ha infatti «ordinato la sospensione per un periodo di sei mesi dell’attività di diffusione dei contenuti da parte dei servizi di media audiovisivi sul canale 880 Sat e sul canale 61 Dtt, a seguito della programmazione del format Il cerca salute e dello speciale Quello che non vi hanno detto sul Coronavirus in relazione al “metodo Life 120” di Adriano Panzironi».

Oscurati canali 800 sat e 61 Dtt

Nel mirino dell’Agcom, in particolare, «la diffusione di contenuti, commerciali e non, potenzialmente suscettibili di porre in pericolo la salute degli utenti in quanto induttivi di una sottovalutazione dei rischi potenziali connessi al virus Covid-19 e dell’erroneo convincimento che lo stesso virus possa essere trattato o prevenuto con misure non terapeutiche, ma alimentari o di mera integrazione».


Adriano Panzironi


I prodotti ” Life 120″

In sostanza l’accusa a Panzironi è che cercasse di vendere i suoi prodotti «miracolosi» (roba alla Wanna Marchi) facendo leva sul fatto che aiutassero a prevenire e arginare il virus. Cosa palesemente falsa visto che i migliori scienziati si stanno ancora scervellando su come affrontare il virus. Improbabile che sotto quella imbarazzante capigliatura ci fossero invece le competenze per farlo.

Le istruttorie

Le delibere concludono due istruttorie avviate a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza nazionale correlato al rischio sanitario connesso al Covid-19, in cui si è accertata nei programmi con la partecipazione di Panzironi «la violazione delle disposizioni che impongono il rispetto della salute pubblica e vietano di indurre comportamenti che possano metterla in pericolo.

La condotta è stata ritenuta particolarmente grave in quanto gli autori e il protagonista dei programmi in questione hanno utilizzato un modulo comunicativo basato sulla suggestionabilità dello spettatore medio per proporre, associandola alle tematiche relative alla epidemia da Covid-19, la promozione dello stile di vita e della commercializzazione dei prodotti “Life 120”, prospettando gli stessi, se non come alternativa, quantomeno come imprescindibile complemento alle indicazioni terapeutiche provenienti dalle autorità sanitarie».

Articoli correlati

Back to top button