Cronaca

Si masturba con troppa foga e finisce in terapia intensiva con uno pneumomediastino spontaneo

Terapia intensiva dopo essersi masturbato: paura per un 20enne svizzero. A descrivere la curiosa vicenda sono stati i due medici

Finisce in terapia intensiva dopo essersi masturbato troppe volte e con eccessiva enfasi. La storia è quella di un 20enne svizzero, ricoverato in terapia intensiva a causa dello sviluppo di uno pneumomediastino spontaneo. SI tratta di una fuoriuscita di aria dai polmoni che si diffonde nella cavità toracica

In terapia intensiva dopo essersi masturbato: la storia 

Il 20enne  è stato trasferito in un reparto regolare e successivamente dimesso in buona salute, ma la sua esperienza è stata tutto fuorché piacevole come avrebbe desiderato. Lo pneumomediastino è definito dalla presenza di aria nell’interstizio mediastinico.

Le principali cause di pneumomediastino sono:

  • Rottura alveolare con infiltrazione di aria all’interno dell’interstizio del polmone con traslocazione nel mediastino
  • Perforazione esofagea
  • Rottura esofagea o intestinale con passaggio di aria dal collo o dall’addome nel mediastino

Il sintomo principale è il dolore toracico retrosternale che può essere, talvolta, grave.

Cos’è successo

A descrivere la curiosa vicenda sono stati i due medici Nikola Rajic e Christian Schandl del Centro di Terapia Intensiva presso l’Ospedale Cantonale della città di Winterthur. Il giovane si è presentato in ospedale con dolore lancinante al petto, mancanza di respiro, enfisema sottocutaneo (l’infiltrazione di aria sotto la pelle) e caratteristici scricchiolii che si sentivano dal collo alle braccia, dovuti proprio dalla presenza del gas. “L’esame obiettivo può mostrare enfisema sottocutaneo, solitamente nella fossa soprasternale, insieme a un rumore di scricchiolio o di click sincrono al battito cardiaco; questo rumore si sente meglio sul cuore quando il paziente è in decubito laterale sinistro (segno di Hamman)”, spiegano gli autorevoli Manuali MSD per operatori sanitari nella descrizione dello pneumomediastino.

Il giovane aveva sviluppato enfisema sottocutaneo profondo e una grande quantità di aria era rimasta sopra al polmone, come hanno evidenziato le radiografie. Il gas si era infiltrato sin sotto al collo e anche il viso si era gonfiato. Una situazione definita “grave” dai medici, ma fortunatamente senza conseguenze. Il ragazzo si stava masturbando con così tanta foga che si è procurato la rottura del tessuto alveolare, determinando la perdita d’aria lungo l’albero tracheobronchiale nel mediastino, un compartimento anatomico della cavità toracica.

Articoli correlati

Back to top button