Tv e Spettacoli

The Last of Us, perché le spore non ci sono nella serie tv?

La nuova serie tv tratta dall'omonimo gioco

The Last of Us, perché le spore non ci sono nella serie tv? La nuova serie tv tratta dall’omonimo gioco. L’attesissima serie HBO ha fatto il suo esordio in esclusiva su Sky e in streaming solo su NOW, a partire dal 16 gennaio 2023.

The Last of Us, perché le spore non ci sono nella serie?

Nella prima inquadratura dell’episodio che dà inizio alla serie, vediamo controluce della polvere nell’appartamento di Joel. Nel gioco, questo era un segnale di pericolo imminente e i personaggi decidevano di indossare una maschera antigas. Nella serie le spore sembrano non essere un problema in quanto i protagonisti non indossano alcuna maschera.

Come inizia il contagio?

Nella serie ideata da Craig Mazin e Neil Druckman il contagio avviene in modo leggermente diverso. Nell’adattamento, alcuni elementi della storia sono stati modificati, cercando di non far arrabbiare i fan del videogioco e permettendo anche ai non giocatori di approcciarsi alla serie. “Nel gioco, ci sono zone in cui incontri le spore e devi indossare una maschera antigas. All’interno del mondo che stiamo creando, se immettessimo le spore nell’aria sarebbe abbastanza chiaro che si diffonderebbe ovunque.

Tutti dovrebbero indossare sempre una maschera e sarebbero completamente infettati.” La rimozione delle spore e la minaccia esterna di un’infezione nell’aria possono ridurre il potenziale del virus nella serie. Il rischio di avere meno suspense e tensione c’è, ma, proprio come ha spiegato Manzin, se le spore fossero disperse nell’aria, evitare l’infezione sarebbe quasi impossibile e questo inciderebbe, in maniera del tutto negativa, sulla storia.

Articoli correlati

Back to top button