Cronaca

Mamma medico dona parte del fegato alla figlia di 3 anni e le salva la vita: “Lo rifarei 2mila volte”

Una storia a lieto fine quella che arriva dall'ospedale Molinette di Torino dove una mamma medico ha donato parte del fegato alla figlia

Una storia a lieto fine e all’insegna dell’amore materno quella che arriva dall’ospedale Molinette di Torino dove una mamma medico ha donato parte del fegato alla figlia di soli 3 anni, salvandole la vita“Mia figlia Greta ne ha passate tante e ha una forza immensa, ora chiedo solo che possa fare una vita il più normale possibile”, dice la donna, che è otorinolaringoiatra. “Il mio è un gesto eroico? No, perché lo farebbe qualsiasi genitore”.

Torino, mamma dona parte del fegato alla figlia e le salva la vita

“Mia figlia Greta – ha raccontato 43enne dottoressa, che è otorinolaringoiatra, all’Ansa – è nata con due malformazioni rare, una all’intestino per cui è stata operata due giorni dopo la nascita, e una atresia delle vie biliari, che porta alla cirrosi epatica. Ora ha tre anni e mezzo ma non non ha mai potuto fare una vita normale: niente asilo, niente giochi con gli altri bambini. Per il trapianto eravamo in lista di attesa da 10 mesi, nei quali Greta ha avuto 8 ricoveri. Il suo progressivo peggioramento a gennaio mi ha spinta a trasferirmi con lei a Torino da Cagliari, dove viviamo con mio marito e l’altra figlia di nove anni“.

“Ho chiesto di essere io la donatrice – aggiunge – ed è partita una serie di accertamenti molto approfonditi, parallelamente ai test psicologici al percorso burocratico, perché serve il nulla osta del Tribunale. Io sapevo bene ciò a cui sarei andata incontro, anche se non mi aspettavo un decorso postoperatorio così impegnativo. La bimba intanto non assimilava più niente, e il 18 marzo c’è stata l’intervento”.

La donna è stata dimessa

La donna è stata dimessa e si è praticamente già ripresa completamente. Per Greta l’iter sarà un po’ più lungo, però la porzione di fegato che gli è stata trapiantata crescerà con lei.

Articoli correlati

Back to top button