Cronaca

Ancora un dramma sul lavoro, operaio muore schiacciato sotto una pressa

I colleghi hanno dato l'allarme ma i tentativi del personale sanitario di rianimarlo sono stati vani

Terzo incidente sul lavoro nella giornata odierna, 28 settembre: un operaio di 57 anni a Torino rimane schiacciato sotto una pressa. Vani i tentativi di salvarlo: è deceduto sul colpo. A lanciare l’allarme sono stati i colleghi che si sono accorti dell’uomo.

Torino, operaio schiacciato sotto una pressa

Nel pomeriggio di oggi un operaio di 57 anni ha perso la vita durante i suoi lavori giornalieri. L’uomo, secondo una prima dinamica, sarebbe rimasto incastrato in una pressa industriale. A lanciare l’allarme sono stati i colleghi che si sono accorti che qualcosa non andava.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i sanitari del 118 e i carabinieri. Ogni tentativo di rianimazione è risultato vano. La Procura ha aperto un’inchiesta: le indagini sono affidate alle forze dell’ordine.

Morti sul lavoro: si ribalta con il trattore a Cosenza, operaio morto a Teramo

Questo è il terzo dramma sul lavoro: nella giornata odierna già si erano registrati altri due morti. Un uomo di 43 anni è morto dopo che il trattore si ribalta, per cause ancora in corso di accertamento, travolgendolo. I fatti si sono svolti in un terreno scosceso a Falconara Albanese.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza l’area. Presente anche i carabinieri per i rilievi del caso.

Il secondo incidente

A Teramo invece un operaio di una ditta esterna è precipitato dal tetto dello stabilimento Ecotel di Guardia al Vomano. Si tratta di Roberto Scipione, 52enne originario di Basciano. Secondo una prima dinamica, l’operaio sul tetto ha perso l’equilibrio cadendo per una decina di metri.

Già in condizioni disperate, i sanitari lo hanno trasportato in ospedale dove è deceduto poco dopo.

Quello di Candiolo è il terzo incidente sul lavoro mortale avvenuto oggi. Solo poche ora prima, un uomo di 43 anni è morto a Falconara Albanese, in provincia di Cosenza, dopo essere stato schiacciato dal mezzo agricolo che stava guidando. Un operaio di 52 anni, Roberto Scipione, è morto dopo essere caduto da tetto dello stabilimento in cui stava lavorando in un’azienda in provincia di Teramo.

Articoli correlati

Back to top button